I costi della pasta sono alle stelle? Ecco le alternative più economiche da tenere sempre in dispensa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un piccolo cambiamento nelle abitudini alimentari e nella scelta dei prodotti che portiamo a tavola può tradursi in un bel risparmio economico quando facciamo la spesa

Cane traumatizzato torna ad abbaiare

La crisi energetica che sta attraversando il continente sta influenzando negativamente anche i prezzi dei generi alimentari e degli altri prodotti al dettaglio, che continuano ad aumentare senza accennare a fermarsi. Chi fa la spesa tutti i giorni si sarà certamente accorto degli aumenti che, centesimo domo centesimo, hanno preso corpo fino a far raddoppiare i prezzi dei prodotti.

Mettere in atto delle strategie per una spesa consapevole è quindi essenziale per continuare a comprare tutti ciò di cui abbiamo bisogno senza dover rinunciare a nulla. Tutto ciò che dobbiamo fare è diventare consumatori più attenti e valutare le diverse proposte di vendita, in modo da avere una visione a 360 gradi e scegliere il prodotto con un rapporto qualità/prezzo migliore.

Uno degli alimenti per cui l’aumento è più visibile è certamente la pasta: verificando i prezzi al nostro supermercato di fiducia abbiamo registrato un prezzo medio per confezione di pasta (500 grammi) più che doppio.

Se a inizio anno un pacco di pasta aveva un prezzo minimo di 35/40 centesimi, ora l’opzione più economica supera i 90 centesimi di euro, mentre un pacco “di marca” può anche sfondare il tetto di 1,60 euro. Ciò si traduce in un prezzo al chilo che oscilla fra 1,80 e 3,60 euro.

La pasta è un alimento essenziale nella dieta mediterranea e costituisce il fondamento di molti piatti. Rinunciarvi del tutto è impossibile, ma ci sono alternative questo alimento che forse finora non abbiamo contemplato ma che possono rivelarsi un investimento più economico e vantaggioso.

Possiamo sostituire la porzione di pasta con una di cereali – come farro, orzo, riso o grano saraceno. Questi hanno un prezzo inferiore rispetto a quello della pasta e hanno al contempo una resa per chilogrammo maggiore.

Infatti mentre una porzione media di pasta, secondo le indicazioni dei nutrizionisti, è di circa 80 grammi, una porzione di riso o altro cereale pesa 50 grammi. Ciò vuol dire che, a parità di acquisto, abbiamo circa dodici porzioni di pasta e 20 porzioni di cereale – un bel risparmio.

Ma il prezzo dei cereali è effettivamente inferiore rispetto a quello della pasta? Dipende da dove li acquistiamo. Infatti, al supermercato una confezione di cereali da 400 grammi ha un costo di 1,79 euro: ciò vuol dire che, al chilo, questo prodotto costa 4,49 euro – un prezzo non molto conveniente in effetti, che non ci farà risparmiare rispetto all’acquisto della pasta.

Se invece acquistiamo i nostri cereali al mercato o a un negozio di prodotti alimentari sfusi, potremo avvertire un risparmio molto maggiore: qui li troveremo ad un prezzo oscillante fra 2 e 2,5 euro. Costano praticamente quanto la pasta ma, ricavando da essi porzioni più piccole, risparmieremo un po’ di soldi senza rinunciare a tanti primi piatti gustosi.

Infatti, i cereali possono essere abbinati ai legumi o alle verdure, diventare protagonisti di brodi e zuppe, rappresentare la base per ottimi risotti (o “orzotti” o “farrotti”). Scegliendo di acquistare prodotti che non abbiamo mai avuto in dispensa, potremo sperimentare nuove ricette e arricchire la nostra cucina di sapori e consistenze.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook