Dopo Lidl, anche Eurospin lancia la linea di abbigliamento in edizione limitata (di cui non sentivamo il bisogno)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tra una bottiglia di succo e un peperone, troveremo anche da Eurospin una linea di abbigliamento che farà il paio (e la concorrenza) con quello della Lidl. E, proprio come la Lidl, promette di essere autoironica e spiritosa. La qualità? Non pervenuta

Una serie di polo, felpe, shorts, sneakers e “tantissimi accessori dalle calze all’intimo”, così Eurospin sbarca sul mercato con quelle che chiama “Capsule Abbigliamento”, una limited edition che sarà presente dal 1° agosto nei vari punti vendita del discount. Dopo il delirio Lidl, avevamo proprio bisogno anche di questa linea Europsin, non è vero?

Pari pari a quelli della azienda tedesca, dunque – che ci ha abituati con le sue edizioni limitate acchiappa clienti, tra ciabatte, magliettine e calzini di spugna tricolor tra l’altro presi d’assalto – così Eurospin prova a imitare il percorso colorato fatto di stoffe di dubbia fattezza. Il classico dei classici in fatto di marketing, peccato che chi ne paga le conseguenze sono sempre i consumatori un po’ meno attenti.

La direzione, insomma, sembra essere quella: una linea ispirata ai tennisti anni ’80 (in questi giorni anche Miu Miu, brand del gruppo Prada, ha lanciato una linea dedicata al tennis) che comprende, oltre ai classici dello streetwear come felpe e sneakers, anche l’intimo e gli accessori, come occhiali da sole, marsupio e visiera. Il tutto con il logo Eurospin in bella evidenza e i colori tipici del marchio, il giallo e il blu su sfondo bianco.

Sulla scia di una campagna pubblicitaria tutta ironica, con sullo sfondo i vari reparti dei punti vendita, anche Eurospin ha messo dunque in piazza cose che non fanno parte del suo segmento e di cui sinceramente non sentivamo il bisogno.

La linea è per ora in edizione limitata, ci saranno file anche fuori agli Eurospin? C’è in ogni caso da giurare che – proprio come ha fatto la tedesca Lidl – quei pezzi saranno poi sugli scaffali nei prossimi mesi a un prezzo diverso, peggio ancora, a un prezzo ultramaggiorato sulle piattaforme di resale.

Non sappiamo nulla dei materiali, ma qualcosa ci lascia immaginare che non si tratti di cotone biologico o di tessuti riciclati…

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Eurospin

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook