#BurnBalenciaga, scarpe tagliate e vestiti dati alle fiamme: cosa c’è dietro alle proteste su TikTok

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Molti, sui social, stanno distruggendo borse, scarpe e altri prodotti di lusso di Balenciaga per protestare contro l’ultima campagna della casa di moda, che ritraeva bambini con orsi di peluche vestiti con imbracature di cuoio (in perfetto stile bondage)

Maglie tagliate, scarpe bruciate, borse distrutte: su Tik Tok diversi utenti stanno postando video in cui distruggono prodotti della maison Balenciaga in risposta alla campagna promozionale Spring 23 che in tanti hanno definito inappropriata per l’utilizzo di bambini e l’accostamento con oggetti bondage.

La campagna era stata ritirata, ma probabilmente le critiche piovute poi anche da Kim Kardashian, testimonial della società, hanno mosso gli animi del popolo social.

Ne avavemo parlato qui: Balenciaga nella bufera ritira le foto inquietanti di bambini e peluche con abiti da bondage

Così, al “grido” unanime dell’hastag #BurnBalenciaga, sono dozzine i video di scarpe tagliate oppure cosparse di benzina e bruciate: un modo per dissociarsi dalle scelte del brand.

 

Il caso

Le polemiche che hanno toccato la maison Balenciaga hanno scosso l’intero settore: l’azienda si era sì giustificata dicendo di essere ignara della presenza sul set di oggetti compromettenti (motivo per cui ha denunciato la casa di produzione per 25 milioni di dollari).

Ci scusiamo per aver mostrato documenti inquietanti nella nostra campagna – aveva scritto. Prendiamo la questione molto sul serio e stiamo intraprendendo un’azione legale contro le parti responsabili della creazione del set e dell’inclusione di articoli non approvati per il nostro servizio fotografico della campagna Spring 23. Condanniamo fermamente gli abusi sui bambini in qualsiasi forma. Sosteniamo la sicurezza e il benessere dei bambini.

L’azienda ha poi cancellato le immagini dei bambini con gli orsacchiotti rivestiti di pelle dai suoi account sui social media. Questo però non è bastato a distendere gli animi dei clienti che, anzi, hanno letto la mossa come la ricerca di un capro espiatorio. E giù di forbici e fiammiferi.

Molti stanno appoggiando questo gesto, a noi – forse – sembra un po’ eccessivo sprecare abbigliamento e accessori così nuovi e, soprattutto, dare fuoco a suole di scarpe fatte non certo di materiali combustibili e non inquinanti.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: TikTok

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook