In questo villaggio indiano ogni sera si spengono TV e cellulari per leggere, scrivere e parlare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Novanta minuti lontano da smartphone e dispositivi tecnologici per riscoprire la bellezza della lettura, dell'arte e delle chiacchiere con familiari e amici

Spegnere TV, smartphone, tablet e computer ogni giorno alle 19:00 e dedicare novanta minuti alla lettura, alla meditazione, alla scrittura creativa, alle chiacchiere con familiari e amici. È ciò che avviene nel distretto di Sangli, nello Stato indiano del Maharashtra, dove sta prendendo forma questa forma di digital detox di gruppo.

Ogni giorno, alle sette di sera, la campana del tempio locale invita le persone a spegnere cellulare e altri dispositivi elettronici, mentre una seconda campana suona alle otto e mezza per segnalare la fine del periodo di detox digitale.

L’idea è stata avanzata da Vijay Mohite, sarpanch (una sorta di governatore locale) del villaggio di Mohityanche Vadgaon: i residenti hanno partecipato con entusiasmo a questa nuova pratica quotidiana i cui benefici sono subito evidenti.

Come spiega Mohite, con le misure restrittive dovute al Covid-19 che hanno portato le persone a trascorrere molto tempo a casa in isolamento sociale, si è assistito a un vertiginoso aumento delle ore passate con i dispositivi tecnologici – sia per svago che per lavoro.

Leggi anche: Troppo tempo davanti a cellulari, tablet e TV modifica radicalmente il cervello dei bambini, lo studio

La scuola si è digitalizzata, il lavoro è diventato “agile”, mentre per tenersi in contatto con amici e parenti si è fatto largo uso di social, chat e videochiamate. Questo ha esposto anche i bambini piccoli ai cellulari e ai tablet, e le conseguenze negative di questo non si sono fatte attendere.

Quando sono riprese le lezioni fisiche, gli insegnanti si sono resi conto che i bambini erano diventati pigri, non volevano leggere e scrivere ed erano ormai abituati a trascorrere molto tempo libero – prima e dopo l’orario scolastico – con i cellulari in mano.

Per questo motivo si è resa necessaria una disintossicazione digitale quotidiana. Novanta minuti al giorno possono sembrare pochi, ma se si pensa che anche noi ci portiamo il cellulare a letto e controlliamo mail e messaggi prima ancora di bere il caffè al mattino, ci rendiamo presto conto che forse un’abitudine del genere potrebbe fare bene anche a noi.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Telegraph India

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono una giornalista e una blogger. Collaboro con le testate GreenMe, Ambiente Magazine e The Wise Magazine e mi occupo di natura, sostenibilità, stili di vita sani e rispettosi dell’ambiente. Sul mio blog “La strega che scrive” parlo di giornalismo, editoria e letteratura

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook