Sciroppi contaminati: l’allerta dell’OMS riguarda questi 2 prodotti contro tosse e raffreddore “pericolosi per i bambini”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha diramato un'allerta che riguarda due sciroppi per tosse e raffreddore. Si tratta di prodotti identificati in Uzbekistan ma che potrebbero essere venduti anche in altri Paesi. I due sciroppi sono pericolosi in quanto contaminati e a rischiare di più sono i bambini

Nell’allerta N°1/2023, l’OMS segnala due medicinali a dosaggio liquido contaminati e definiti “scadenti”, in quanto non soddisfano gli standard o le specifiche di qualità.

I prodotti incriminati sono stati identificati in Uzbekistan e segnalati all’OMS il 22 dicembre 2022. Si tratta di due sciroppi per tosse e raffreddore:

  • AMBRONOL
  • DOK-1 Max

Il produttore, in entrambi i casi, è MARION BIOTECH PVT. LTD, (Uttar Pradesh, India).

Come rende noto l’OMS:

Ad oggi, il produttore dichiarato non ha fornito garanzie all’OMS sulla sicurezza e sulla qualità di questi prodotti.

sciroppo contaminato 1

@WHO

sciroppo contaminato 2

@WHO

Cosa contengono gli sciroppi

Le analisi di laboratorio condotte sui campioni di entrambi gli sciroppi in Uzbekistan hanno rilevato quantità inaccettabili di glicole dietilenico e/o glicole etilenico.

Si tratta di contaminanti tossici per l’uomo, se consumati, e che possono addirittura rivelarsi fatali. I rischi più gravi riguardano i bambini.

Come scrive l’OMS:

I prodotti scadenti a cui si fa riferimento in questo avviso non sono sicuri e il loro uso, soprattutto nei bambini, può provocare lesioni gravi o morte. Gli effetti tossici possono includere dolore addominale, vomito, diarrea, incapacità di urinare, mal di testa, stato mentale alterato e danno renale acuto che può portare alla morte.

Dove sono venduti gli sciroppi contaminati

Oltre all’Uzbekistan, Paese che ha segnalato il problema, non è ben chiaro dove possano trovarsi in vendita tali sciroppi. L’allerta comunque riguarda potenzialmente anche l’Europa, in quanto non si può escludere che i prodotti abbiano ottenuto l’autorizzazione alla vendita in alcuni Paesi.

Come specifica infatti l’Organizzazione Mondiale della Sanità:

Entrambi questi prodotti possono avere autorizzazioni all’immissione in commercio in altri paesi della regione. Potrebbero anche essere stati distribuiti, attraverso mercati informali, in altri paesi o regioni.

Non è la prima volta, purtroppo, che sciroppi contaminati vengono immessi in commercio. Forse ricorderete il caso gravissimo che si è verificato in Gambia. Leggi anche: Quattro sciroppi per la tosse avrebbero causato la morte di 66 bambini in Gambia, l’allerta dell’OMS

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte:  OMS

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook