Il semplicissimo modo per convincere i tuoi figli a fare ciò che chiedi loro in modo sereno (e senza capricci)

Porre i bambini di fronte a una scelta significa mettere nelle loro mani la responsabilità delle loro decisioni, per aiutarli a prendere quella migliore

Quante volte vi è capitato di chiedere a vostro figlio di mettere in ordine la stanza, di lavarsi i denti o di mettersi a letto, e di aver visto la vostra richiesta ignorata? Scontrarsi contro il rifiuto dei figli nell’eseguire compiti quotidiani può essere frustrante.

Talvolta, ci si sente quasi dei “dischi rotti” a ripetere più volte la stessa richiesta senza ottenere i risultati sperati. Come fare per farci ascoltare di più dai nostri figli e per spingerli a compiere le azioni che abbiamo chiesto loro?

L’account Instagram Big Life Journal ha condiviso recentemente un post proprio su questo, sottolineando l’importanza di cambiare la prospettiva dei piccoli riguardo a quei compiti impegnativi o noiosi che non vogliono svolgere.

L’approccio suggerito implica una maggiore consapevolezza da parte del genitore: a lui il compito di spiegare che il compito richiesto può sembrare difficile o complesso, ma che non portarlo a termine avrà delle conseguenze che potrebbero essere peggiori.

Leggi anche: Conosci la tecnica delle 3 zone per insegnare ai bambini il rispetto delle regole in modo gentile (e senza capricci)

Mettere il bambino di fronte a una scelta

In pratica, il suggerimento è quello di proporre al bambino sia il compito che gli abbiamo chiesto di svolgere sia la conseguenza del suo rifiuto, ovvero ciò che accadrà se lui non svolge il compito adesso. Ecco qualche esempio per capire meglio:

  • è difficile mantenere l’ordine nella stanzetta, ma è altrettanto difficile trovarsi in un ambiente disordinato e non sapere dove si trovano giocattoli e altri oggetti
  • è difficile esercitarsi regolarmente nella pratica di uno strumento musicale o di uno sport, ma è altrettanto difficile non vedere miglioramenti
  • è difficile preparare lo zainetto per la scuola la sera prima di andare a letto, ma è altrettanto difficile fare le corse al mattino dopo rischiando di dimenticare qualcosa di importante
  • è difficile interrompere un’attività piacevole per andare a dormire, ma è altrettanto difficile alzarsi presto per la scuola il giorno successivo.
  • è difficile dire la verità, ma è altrettanto difficile vivere con la consapevolezza di essere disonesti.

Insomma, questa dicotomia fra una piccola difficoltà nel presente e una più grande difficoltà nel futuro aiuterà i bambini a fare scelte più sagge e ponderate, aumentando il loro senso di responsabilità.

Ma questa consapevolezza può essere un utile promemoria anche per noi adulti: applicando questa pratica di riflessione nella nostra vita quotidiana ci renderemo conto che, talvolta, affrontare sfide difficili oggi può evitare conseguenze ancor più impegnative domani, oltre portare a risultati più gratificanti a lungo termine.

Non vuoi perdere le nostre notizie ?

Fonte: Instagram

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Iscriviti alla newsletter settimanale
Seguici su Facebook