Bambini e influenza, la sindrome della campanella: 10 modi per prevenirla

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una "malattia" forse vecchia quanto il mondo, da che il bambino è bambino: la "sindrome della campanella". Ovvero, come il ragazzino si ammala non appena comincia la scuola

Una “malattia” forse vecchia quanto il mondo, da che il bambino è bambino: la “sindrome della campanella“. Ovvero, come il ragazzino si ammala non appena comincia la scuola. Un insieme di disturbi che colpiscono i più piccoli con il ritorno alla vita di comunità, un valzer di virus respiratori che attendono all’uscio della scuola, tra tosse, respiro “a fischietto”, semplice raffreddore, febbre e riacutizzazioni di bronchiti asmatiformi.

Un bel quadretto, insomma, che ha molte probabilità di verificarsi se non si sono prese le opportune precauzioni e se non si sono rafforzate a dovere le difese immunitarie. Complice, ovvio, il freddo improvviso.

Eugenio Baraldi, dell’Unità di Pneumologia e Allergologia Pediatrica Dipartimento Salute Donna e Bambino dell’Università di Padova, spiega che il primo episodio di malattia può presentarsi già dopo due o tre settimane di scuola e che un bimbo che frequenta l’asilo o la scuola primaria viene colpito frequentemente da infezioni respiratorie causate da rinovirus o virus simili con il classico “respiro a fischietto”.

Cosa fare, allora, nel caso dei primi malanni? Oltre a tenervi ogni imprecazione per voi (non è esattamente entusiasmante che arrivino alle orecchie del vostro pupo paroline fuori luogo), e aver chiamato nonne, babysitter e tutto l’esercito che vi consenta, almeno per oggi, di andare a lavoro e/o tenere la casa in un ordine quantomeno dignitoso nonostante la presenza tra i piedi di un pischello febbricitante e (di conseguenza) lagnoso, attenetevi ad alcune regole che gli esperti stilano in una sorta di vademecum per mamma e papà:

1) Fate attenzione se vostro figlio soffre spesso di tosse, raffreddore e respiro “a fischietto”

2) Fate memoria di quante volte l’anno scorso è rimasto a casa per questi disturbi

3) Dopo un episodio di malattia non riportate subito il bambino a scuola ma lasciatelo qualche giorno a casa

4) Fate caso se dopo uno sforzo (che può essere una corsa, un pianto prolungato o una risata respira “a fischietto”

5) In cameretta limitate peluche, tende e tappeti. Coprite materassi e cuscini con appositi tessuti di protezione e controllate che non compaiano muffe sulle pareti. In più, prediligete materiali a bassa emissione di inquinanti chimici per arredamento e finiture

6) Niente fumo passivo e nemmeno quello di “terza mano

7) Non dimenticate di scegliere uno sport adatto alle caratteristiche di vostro figlio

8) Attenzione alla bilancia! Il sovrappeso e l’obesità sono nemici dei bambini e possono influire negativamente anche sulla respirazione

9) Scegliete la dieta mediterranea, ricca di pesce, vegetali, frutta, verdura, grano e olio extravergine di oliva

10) Consultate e seguite sempre il vostro pediatra!

Germana Carillo

LEGGI anche:

10 consigli per rafforzare le difese immunitarie dei bambini

Curcuma: rinforza il sistema immunitario e protegge dalle infezioni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook