I Caraibi soffocati da tonnellate di plastica. Le foto shock che non vorremmo mai vedere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il mare di plastica dei Caraibi in una serie di scioccanti foto

Associamo i Caraibi a mare cristallino e a pesci multicolori. Purtroppo lo scenario potrebbe essere ben diverso e a colorare il mare non tanto i pesci quanto le tonnellate di rifiuti di plastica. Mostrano una situazione davvero preoccupante alcune foto di qualche tempo fa che ritraggono le acque piene di polistirolo e detriti.

Si dice che entro il 2050 ci sarà più immondizia nell’oceano che pesci e purtroppo sembra che ci stiamo avvicinando inesorabilmente a quel momento, almeno a giudicare dalle scioccanti immagini opera di Carolina Power scattate al largo della riserva marina delle Cayos Cochinos.

Carolina è una fotografa particolarmente focalizzata sull’obiettivo di mostrare i problemi ambientali che stanno mettendo seriamente a rischio il pianeta con lo scopo ovviamente di sensibilizzare l’opinione pubblica e tutti noi che, nel nostro piccolo, possiamo e dobbiamo fare qualcosa.

Non è un caso che Carolina, affianco ad ogni foto ha posto una domanda, un vero interrogativo che dovremmo porci anche noi ogni giorno quando scegliamo di acquistare prodotti con imballaggi in plastica o quando ci dimentichiamo di differenziare i nostri rifiuti.

mare plastica caraibi
mare plastica caraibi 1

Quesiti del tipo: “Utilizzi ancora sacchetti di plastica? Bottiglie di plastica? Involucri di plastica sul cibo?

Carolina Power scrive:

“Sfido ogni persona e ogni azienda a tenere la spazzatura per una settimana. Separa il tuo organico e i materiali riciclabili e mantieni tutto il resto per una settimana. Sarai disgustato dal numero di oggetti monouso che adoperi”

Nelle sue foto è infatti possibile vedere come la maggior parte dell’inquinamento nel mare dei Caraibi, così come in realtà in tutto il resto del mondo, proviene da contenitori di polistirolo e oggetti di vario tipo realizzati in plastica.


La maggior parte di noi acquista e usa con troppa leggerezza oggetti in plastica o avvolti nella plastica, ma non sempre ci soffermiamo a pensare dove vanno a finire tutte queste cose dopo che le abbiamo gettate via.

Purtroppo la risposta, forte e chiara, arriva da queste foto. Il problema è però più ampio e anche le nostre lavatrici contribuiscono all’inquinamento del mare.

Ogni volta che laviamo canottiere, pantaloni, maglie o qualsiasi altro indumento realizzato con materiali sintetici, piccole fibre di plastica finiscono nei corsi d’acqua e poi nel mare. Le microfibre sono così piccole che piante e pesci non sono in grado filtrarle. Pertanto si accumulano contribuendo all’85% dell’inquinamento costiero in tutto il mondo.

mare plastica caraibi 2

Oggi usiamo 20 volte più plastica di quanto non si facesse 50 anni fa e i numeri continuano a salire. Teniamo conto di tutte queste cose per fare scelte più consapevoli.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook