Lidl dice addio a piatti, bicchieri e posate di plastica nei suoi supermercati. Solo compostabile made in Italy

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

E’ arrivata una svolta green anche nei supermercati Lidl italiani. Il noto marchio ha infatti messo al bando le stoviglie monouso e nei suoi negozi le ha sostituite con alternative biodegradabili e compostabili.

La plastica usa e getta, come quella con cui sono realizzati piatti, bicchieri e posate, sarà ufficialmente fuori legge dal 2021 secondo le direttive dell’Ue. Alcuni supermercati, però, si sono già avvantaggiati e hanno deciso di eliminarla dai propri scaffali con anticipo.

Vi abbiamo parlato di Unicoop Firenze a cui a luglio si è unita anche Lidl Italia (ve l’avevamo annunciato già l’anno scorso). La nota catena di supermercati ha eliminato da tutti i suoi punti vendita le stoviglie monouso in plastica sostituendole con soluzioni più green. In questo modo, ci tiene a sottolineare l’azienda, si risparmieranno 450 milioni di piatti, bicchieri e posate di plastica (per un totale di 2000 tonnellate l’anno di materiale fortemente inquinante).

Naturalmente non si rinuncia del tutto all’usa e getta ma ora questo è decisamente più ecologico. I nuovi prodotti sono realizzati infatti in fibre vegetali compostabili e confezionati con un packaging riciclabile.

La nuova linea di piatti (piani e fondi), bicchieri (in 3 tipologie) e posate, è realizzata in PLA, Mater-Bi e polpa di cellulosa a marchio Aromata, la private label sviluppata da Lidl grazie alla collaborazione con i propri fornitori. Il tutto, tra l’altro, è made in Italy.

In un secondo momento, Lidl eliminerà anche le posate e le cannucce in plastica presenti nei piatti pronti e nelle bevande to go, convertendo queste referenze in soluzioni più ecologiche.

lidl-obiettivo-plastica

Come ha dichiarato Eduardo Tursi, amministratore delegato acquisti e marketing di Lidl Italia:

“Abbiamo deciso di muoverci in anticipo rispetto al recepimento della direttiva europea perché l’impegno di ridurre del 20% l’impiego di plastica entro il 2025 per noi è prioritario e non può attendere. I nostri clienti troveranno piatti, bicchieri e posate di nuova generazione, biodegradabili e compostabili che, opportunamente smaltiti, si trasformeranno in nuove risorse”

Non trovare più disponibili oggetti in plastica monouso è un bell’incentivo per chi fa la spesa regolarmente in questo supermercato. Un modo che costringe tutti, anche i meno attenti, a scegliere soluzioni più ecosostenibili.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook