Verso discariche zero. Storico accordo tra Corepla e Assobioplastiche

imballaggipl

Arrivare a discariche zero. Il primo passo verso questo traguardo è lo storico accordo biennale di 1,5 milioni di euro all'anno per migliorare gli imballaggi in plastica biodegradabili e compostabili. A siglarlo questa mattina alla presenza del Ministro dell'Ambiente Galletti sono stati Corepla, Conai, Assobioplastiche e il Consorzio Italiano Compostatori.

In base all'accordo di programma, Corepla metterà a disposizione questa cifra per due anni per aumentare la qualità della raccolta differenziata, promettendo di conseguenza una maggiore quantità di materiale riciclato in nuova materia prima.

L'accordo dovrà supportare i Comuni nei programmi di inclusione degli imballaggi in plastica biodegradabile e compostabile nei servizi di raccolta differenziata dei rifiuti organici. Dovrà poi definire anche le campagne informative per valorizzare la raccolta e il trattamento degli imballaggi nella frazione organica e per sensibilizzare i cittadini, le istituzioni e le imprese sul tema della gestione degli imballaggi in plastica.

Infine, dovrà supportare l’attività di monitoraggio, ricerca e sperimentazione nella filiera del riciclo organico.

“Recupero, riciclo e riuso sono i cardini della corretta gestione dei rifiuti e dell’economia circolare, l’unica possibile per il futuro. Il nostro Paese può contare su eccellenze in materia di recupero di imballaggi e questo protocollo ne è una ulteriore prova: il segnale che stiamo spostando sempre più in alto l’asticella della qualità e della consapevolezza in questo campo” ha deto il Ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti -. "Oggi però in Italia abbiamo ancora troppi rifiuti che finiscono in discarica. Superare questo limite nella nostra gestione ambientale è un impegno del Governo. Possiamo raggiungere anche noi il risultato che altri Paesi hanno già conseguito: arrivare a discariche zero. E Corepla e tutta la filiera dei consorzi degli imballaggi sono in prima linea per aiutare l’Italia a raggiungere questo obiettivo, che è ambientale ma è anche di civiltà e può rappresentare un importante volano di sviluppo e occupazione”.

Ed ecco cos'ha detto ai nostri microfoni il Ministro dell'Ambiente:

accordopla2

Per Giorgio Quagliuolo, Presidente del Consorzio Corepla “è ella natura della plastica essere multiforme. Ma è il fine vita a fare la differenza. Negli anni, Corepla ha ottenuto performance di rilievo nella raccolta e riciclo degli imballaggi in plastica “tradizionali”. Con questo accordo andiamo ad aggiungere un importante e innovativo strumento. A favore del cittadino, dell’amministrazione pubblica e delle imprese per una vera e fattiva cultura del riciclo in un’economia sempre più circolare”.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Addio plastica in discarica entro il 2020: ecco la ricetta rifiuti zero (VIDEOINTERVISTE)

Rifiuti: Conai e Cnr insieme per riciclare meglio plastica e imballaggi

Raccolta differenziata: la plastica riciclata nel 2014 vale 234 milioni di euro