Vogliamo evitare una nuova pandemia? Anche per la scienza il primo passo è preservare la biodiversità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sappiamo quanto è importante preservare la biodiversità e la ricchezza dell’ambiente naturale in cui siamo immersi – ne va della salute nostra e del pianeta. Gli ultimi studi però attestano una connessione diretta fra distruzione della biodiversità e dilagare delle pandemie: maggiore è la diversità delle specie in natura, migliori saranno le nostre condizioni di vita.

Sempre più studi attestano che le pandemie moderne (Ebola, SARS, Covid-19) sono provocate dall’uomo. La perdita della biodiversità provocata da attività umane quali deforestazione, agricoltura intensiva, sfruttamento del territorio sembrerebbe il filo rosso comune alle emergenze sanitarie degli ultimi anni. Per prevenire le nuove pandemie c’è quindi bisogno di prestare particolare attenzione alla tutela della biodiversità.

Felicia Keesing, professoressa e autrice dello studio che mostra la connessione fra biodiversità e diffusione delle epidemie, prova a sdoganare il mito secondo cui aree selvagge con alti livelli di biodiversità rappresentino habitat particolarmente adatti alla diffusione di malattie: secondo questa teoria, più animali ci sono, più agenti patogeni si possono incontrare. In realtà è proprio il contrario: la biodiversità in sé non è una minaccia, anzi – ci protegge dalle specie portatrici di agenti patogeni e batteri.

Le malattie zoonotiche (ovvero quelle trasmesse all’uomo da un animale) sono causate da agenti patogeni che arrivano all’uomo con il tramite di altre specie. Un agente patogeno può viaggiare da un ospite a un altro attraverso goccioline di saliva contenute nel respiro o negli starnuti, attraverso fluidi corporei, le feci, o con il morso. La naturale biodiversità (e la perdita di questa) può riguardare questo percorso di migrazione da una specie a un’altra e contribuire a spezzare la catena che porterebbe il batterio all’uomo.

Ma come?

Rick Ostfeld, coautore della ricerca, sostiene che le specie che prosperano in habitat industrializzati e degradati sono spesso più “brave” a ospitare agenti patogeni e a trametterli all’essere umano. Al contrario, in ambienti poco intaccati dall’uomo e con una maggiore diversità di specie animali, questi “serbatoi di batteri patogeni” sono meno probabili. La biodiversità avrebbe quindi un effetto protettivo. I ricercatori hanno dimostrato che la biodiversità innata può ridurre il rischio di malattie infettive attraverso un effetto di indebolimento: le specie appartenenti a comunità diverse diluirebbero l’impatto delle specie ospiti che invece prosperano quando la diversità declina, come già dimostrato per un importante numero di malattie.

L’impatto dell’uomo (sfruttamento del suolo) è stato connesso al sorgere di malattie infettive nell’uomo in molti studi. Quando questo accade, le specie più longeve e dalle dimensioni più grandi finiscono per scomparire, mentre gli organismi più piccoli tendono a proliferare. Pipistrelli, primati e roditori sono stati segnalati come le specie animali maggiormente in grado di trasmettere malattie all’essere umano.

“Se distruggiamo la biodiversità” dichiara Rick Ostfeld, “finiamo col favorire le specie animali con più alta tendenza a diventare veicolo di malattie, aumentando il rischio di pandemie per l’uomo.”

Fonte: PNAS

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
eBay

Come scegliere il gazebo perfetto

LCI

Come il giornale e la carta che butti diventano un nuovo materiale

eBay

Come guadagnare online con i LEGO e le carte da gioco

Deceuninck

Nuova era delle finestre: con la ThermoFibra diventano 100% riciclabili

NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook