Con il lockdown, le dune delle Canarie sono tornate al loro antico splendore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Niente più passanti e le dune delle Canarie tornano al loro antico splendore, mostrando un paesaggio da sogno che non si vedeva da 50 anni. Sembra il Sahara, ma siamo sulla spiaggia di Maspalomas, Gran Canaria.

Qui, grazie al lockdown possiamo oggi ammirare la rinascita di una vasta e infinita distesa di dune, al cui interno sono custoditi svariati ecosistemi popolati da moltissime specie, tra cui pivieri, beccaccini e aironi.

Il coronavirus continua a consentire il recupero di processi ecologici essenziali per ambienti che erano stati messi a dura prova dalla continua, pesante e incessante presenza dell’uomo.

Miguel Ángel Peña, direttore tecnico del progetto “Masdunas” e direttore della Reserva Natural de las Dunas de Maspalomas, che da anni è impegnato nel recupero di questo delicato ecosistema, è incredulo: si tratta di un risultato positivo arrivato a una velocità di gran lunga superiore alle aspettative.

Le celebri dune hanno visto una perdita di circa 40.000 metri cubi di sabbia all’anno, un processo di grave erosione che avrebbe potuto portare inevitabilmente alla loro scomparsa.

@MIGUEL ÁNGEL PEÑA

Per ora l’area ospita la stessa vita animale di sempre, ma è molto probabilmente che, con l’imminente migrazione degli uccelli e la tranquillità che il luogo ha guadagnato, molti rimarranno più a lungo per nutrirsi e riposare prima di partire verso l’Africa.

Specie come il fratino eurasiatico, sul punto di scomparire da Gran Canaria, saranno facilitati nella riproduzione dalla tranquillità che sta regalando l’assenza di passanti.

“È esemplare come la natura sia in grado di rigenerarsi quando le concediamo una breve pausa, anche se è “solo” per alcune settimane. Queste isole hanno 20 milioni di anni, sei settimane sono solo una breve interruzione”, conclude l’esperto. Tuttavia, tanto basta per recuperare mezzo secolo di danni.

Fonte: Canarias7,

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook