sana 2011

Apre i battenti oggi a Bologna la più importante fiera del biologico, il Sana 2011, Salone Internazionale del Naturale. 30.000 mq espositivi divisi in 2 settori, quello dell’Alimentazione (Pad. 31-32-33-34) e quello del Benessere (Pad. 34-35), che accoglieranno fino all’11 Settembre 532 aziende con produzioni biologiche.

Al Sana 2011 le parole d’ordine sono biologico certificato, innovazione e tecnologia. Nasce in questa edizione, infatti, anche l’area Sana Novità, nel padiglione 34, dedicata ai nuovi prodotti messi sul mercato dopo il 1° ottobre 2010. Gli elementi di novità riguardano produzione, trasformazione, confezionamento e packaging, con particolare riferimento ai temi della sostenibilità ambientale.

La manifestazione verrà inaugurata dal Ministro alle Politiche Agricole Francesco Saverio Romano, che interverrà al convegno d’apertura dedicato al tema dell’agricoltura biologica come strumento di sviluppo sostenibile, insieme, tra gli altri, al presidente della Commissione agricoltura del Parlamento europeo Paolo De Castro, al presidente di Bologna Fiere Duccio Campagnoli, all'assessore regionale all'agricoltura Tiberio Rabboni e dei Presidenti delle principali organizzazioni europee e nazionali dell'agricoltura biologica.

Il calendario del Sana si presenta fitto di eventi, con workshop, lezioni, incontri, approfondimenti e convegni. A disposizione dei visitatori ristorazione biologica al 100%, nel Bio Bar e nel Bio Ristorante di Sana 2011, e le innovative internet lounge “Nuvole”, un nuovo progetto di BolognaFiere che mette a disposizione divani, giornali, postazioni per coffee break e connessione internet Wi-Fi gratuita.

Il Sana 2011 è un’ottima vetrina per un settore in continua crescita, come ha sottolineato Mario Guidi, presidente di Confagricoltura, organizzazione presente al Sana con uno stand istituzionale: L'agricoltura biologica ha mantenuto, anche in questi anni di crisi economica, una stabilità e una crescita positiva ed oggi non va più considerato un settore di nicchia; molte imprese bio ortofrutticole, vitivinicole, olivicole, zootecniche hanno fatto investimenti importanti, si occupano anche della lavorazione industriale e puntano ad una produzione dai grandi numeri e ad una presenza più incisiva nella GDO e sui mercati esteri”.

Il bio - ha aggiunto Mario Guidi - è uno di quei settori in cui si può dire senza timori che “grande è bello. I consumatori anche all'estero, guardano con interesse crescente a questo comparto, che deve essere in grado di soddisfare le attese e le richieste in aumento. Le aziende devono cogliere le opportunità che si aprono all'estero. L'agricoltura made in Italy è sempre stata apprezzata per la qualità, la bontà dei suoi prodotti, deve esserlo sempre più anche per quelli biologici”.

Anche quest'anno noi di greenMe.it siamo al Sana con un nostro stand per catturare i trend più interessanti, le novità e le aziende più sostenibili da raccontarvi. Potete venire a trovarci al Padiglione 33, G 23.

Roberta Ragni


forest bathing sm

Trentino

I migliori itinerari da fare a piedi o in bici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram