Terremoto Giappone: Sharp installa 250 impianti solari nelle zone colpite dal sisma

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo aver dimostrato uno spirito patriottico fuori dal comune con una donazioni di 100 milioni di yen (885 mila euro), la Sharp Corporation torna a far parlare di sé. La multinazionale nipponica, leader nella tecnologia digitale applicata all’elettronica, ha infatti annunciato un’altra buona azione in favore delle vittime del terremoto: 250 impianti a energia solare, che saranno spediti – grazie alla collaborazione con il Ministero della Difesa giapponese – nelle zone colpite. Inutile dire che non si tratta di un regalo di consolazione, ma di un aiuto concreto per gli abitanti dell’area Orientale del paese, quella colpita dallo tsunami, ancora alle prese con una ricostruzione tutt’altro che facile.

Gli impianti solari – precisa la Sharp in un comunicato stampa – sono stati “appositamente progettati per le aree colpite dalla catastrofe”. Dotati, nello specifico, di batteria di scorta Shin-Kobe Machinery e di celle solari Sharp, dispongono di una presa multipla CA, che permetterà a uno o più utenti di ricaricare oggetti d’uso quotidiano divenuti indispensabili per comunicare, quali ad esempio il telefonino o il notebook. Scopo principale è quello di fornire una fonte autonoma di energia elettrica, in zone rimaste isolate o difficili da raggiungere a causa delle macerie.

Indispensabile, a questo proposito, l’azione del Ministero della Difesa, che da pochi giorni a questa parte ha organizzato un network di trasporto merci su richiesta delle singole prefetture, così da facilitare il compito di soccorritori e associazioni umanitarie. L’installazione dei 250 impianti dovrebbe essere completata entro oggi i in altrettanti rifugi di emergenza. E che si tratti o meno di una subdola manovra pubblicitaria poco importa: chiamare un proprio caro è forsa la sola consolazione quotidiana di chi, come loro, ha perso tutto.

Roberto Zambon

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook