Eolico: il vento potrebbe soddisfare la domanda energetica mondiale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Eolico, l’energia prodotta dal vento potrebbe soddisfare il fabbisogno dell’intero pianeta. Ne è certa la ricercatrice Kate Marvel del Lawrence Livermore National Laboratory, in California, ma ad una condizione: le turbine dovranno essere poste ad alta quota.

Potenzialmente il vento potrebbe avere il potere di alimentare la terra e la sua necessità di energia, ma è improbabile che riesca davvero ad incidere in maniera sostanziale sul clima. Calcoli alla mano, anche considerando i livelli massimi di produzione di energia, non ci sarebbero effetti sostanziali sul clima del pianeta finché le turbine sorgeranno a bassa quota e in un numero di aree limitate della Terra. Allo stato attuale, l’eolico potrebbe influenzare la temperatura della superficie di circa 0,2 gradi Fahrenheit e incidere nelle precipitazioni per l’1 per cento circa. Nel complesso, l’impatto ambientale non sarebbe sostanziale.

Questa l’opinione degli esperti del Lawrence Laboratory. Ma il vento può diventare una fonte primaria di elettricità quasi ad emissioni zero in tutto il mondo. Come? Le turbine eoliche dovranno essere installate ad alta quota. Oggi secondo gli esperti, l’eolico non può cambiare le sorti dell’energia ma basterebbe introdurre questa novità. Utilizzando un modello climatico, Kate Marvel, autrice principale dello studio, insieme ai colleghi Ben Kravitz e Ken Caldeira della Carnegie Institution Department of Global Ecology, ha stimato la quantità di energia che può essere prodotta dai venti in prossimità ad alta quota. Il gruppo ha scoperto che le turbine eoliche sulla superficie potrebbero estrarre energia cinetica ad una velocità di almeno 400 terawatt, mentre ad alta quota l’energia eolica potrebbe estrarre più di 1.800 terawatt.

Perché? In alto, le correnti a getto sono in genere più stabili e più veloci. “Abbiamo dimostrato che quantità equivalenti di energia estratta hanno conseguenze diverse per il clima della Terra e sulla circolazione in generale se ottenute sulla sola superficie o in tutta l’atmosfera” ha detto Marvel. Risolto il limite ‘tecnico’, secondo gli esperti, l’eolico non avrà comunque vita facile visto che “probabilmente sarà determinato da vincoli economici, politici e tecnici piuttosto che da limiti geofisici“.

Lo studio è stato pubblicato su Nature Climate Change.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook