fotovoltaico trasparente

Produrre energia pulita attraverso vetri e finestre. Il fotovoltaico trasparente ormai non è una novità ma un nuovo studio condotto dagli scienziati della Michigan State University ha dimostrato che un particolare tipo di celle fotovoltaiche potrebbero soddisfare quasi la metà della domanda di elettricità statunitense e ridurre drasticamente la dipendenza dai combustibili fossili.

“Le celle solari altamente trasparenti rappresentano il futuro delle nuove applicazioni solari”, ha dichiarato Richard Lunt, professore associato di Ingegneria Chimica e Scienza dei Materiali della MSU. “Abbiamo analizzato il loro potenziale e mostrato che raccogliendo solo la luce invisibile, questi dispositivi possono avere un potenziale di generazione di energia paragonabile a quello del classico fotovoltaico sul tetto, pur offrendo funzionalità aggiuntive per migliorare l'efficienza degli edifici, delle auto e dell'elettronica mobile”.

Lunt e i colleghi hanno promosso lo sviluppo di un concentratore solare trasparente che, se posto su una finestra, produce energia elettrica senza intaccare la visuale. Il materiale sottile e plastico può essere utilizzato su edifici, vetrine, telefoni cellulari o altri dispositivi caratterizzati da una superficie trasparente o chiara.

Il sistema infatti raccoglie la luce solare utilizzando delle molecole organiche, sviluppate da Lunt e dal suo team, per assorbire anche le lunghezze d'onda invisibili. I ricercatori possono quindi "sintonizzare" questi materiali per raccogliere solo l'ultravioletto e le lunghezze d'onda vicino all'infrarosso, per poi convertire questa energia in elettricità.

Essi credono fortemente nel solare. A loro avviso, infatti, spostare il consumo globale di energia lontano dai combustibili fossili passerà proprio per queste tecnologie innovative ed economiche oltre che ecologiche. Attualmente, solo l'1,5 per cento della domanda di elettricità degli Stati Uniti e di tutto il mondo è fornita dal fotovoltaico ma in termini di potenziale complessivo, gli autori notano che solo negli Stati Uniti ci sono da 5 a 7 miliardi di metri quadrati di superfici di vetro. Basterebbe sostituirle con il fotovoltaico trasparente per coprire circa il 40 per cento della domanda, al pari del fotovoltaico sul tetto.

L'utilizzo di entrambe le tecnologie potrebbe avvicinarci al 100 per cento della nostra domanda se si migliorasse anche lo stoccaggio dell'energia” spiega Lunt.

vetri solari2

Quest'ultimo ha rivelato anche che le applicazioni fotovoltaiche altamente trasparenti stanno registrando efficienze superiori al 5%, mentre i pannelli tradizionali si attestano al 15-18% Nonostante il divario, le prime hanno il potenziale per offrire grandi quantità di energia visto che possono essere applicate a superfici maggiori.

LEGGI anche:

Le tecnologie esistono già. Il punto è crederci e investire per utilizzarle, in alternativa alle inquinanti fonti fossili.

La ricerca è stata pubblicata su Nature Energy.

Francesca Mancuso

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram