Inquinamento e colesterolo, il mix deleterio di Milano e Torino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A Torino e a Milano cuore e cervello invecchiano prima. La colpa è delle polveri sottili che provocano e rendono decisamente più veloci i processi aterosclerotici ed arteriosclerotici, soprattutto in chi ha già livelli alti di colesterolo cattivo.

È quanto emerge da una alcuni studi presentati dalla Società Italiana per lo Studio dell’Arteriosclerosi (Sisa) che mettono sotto accusa il PM2.5 (particolato dal diametro non superiore ai 2,5 micrometri), che per le sue piccole dimensioni va a finire facilmente nell’apparato respiratorio, provocando infiammazione nei polmoni e nel sangue che si ripercuote a sua volta nell’arteria principale, la carotide. E questo processo, in combinazione con un colesterolo elevato, aumenta in rischio di eventi cardiovascolari.

LEGGI anche: MAL’ARIA 2016: QUANTO È INQUINATA LA TUA CITTÀ?

Numerosi studi scientifici recenti hanno dimostrato che l’esposizione alle polveri sottili in città causa un ispessimento della carotide, quindi l’arteriosclerosi, ma anche la formazione di placche aterosclerotiche. Si è registrata, inoltre, una modifica qualitativa del ‘colesterolo buono’, l’HDL, che risulta con ridotta capacità antinfiammatoria”, commenta Alberico Catapano, Presidente della Società Europea per lo Studio dell’Aterosclerosi ed Ordinario di Farmacologia all’Università di Milano.

Insomma, che lo vogliate o no, le nostre città sono talmente inquinate da mettere a repentaglio la salute dei nostri cuori. In più i cambiamenti climatici, l’assenza di piogge e di vento e gli inverni troppo caldi rendono l’atmosfera davvero irrespirabile.

LEGGI anche: EMERGENZA SMOG: COSA POSSIAMO FARE PER SALVARCI I POLMONI?

Le città italiane più a rischio

A partire dai dati sulle polveri sottili in città forniti da ISPRA Ambiente e da quelli ricavati da alcuni studi svolti sulla presenza di danno vascolare a livello carotideo, gli esperti hanno stimato la differenza sullo stato di salute del cuore e del cervello delle persone che vivono a Milano e Torino rispetto a quelle che vivono a Roma, dove c’è un minor tasso di inquinamento medio.

LEGGI anche: INQUINAMENTO ATMOSFERICO: A TORINO NASCE LA PRIMA PURE AIR ZONE

Ebbene: l’invecchiamento di cuore e cervello a Milano e a Torino avviene fino a quattro volte più in fretta rispetto a quanto si verifica a Roma, a causa della combinazione di inquinamento e colesterolo. Inoltre, un elevato tasso di inquinamento peggiora la fondamentale funzione delle arterie di vasodilatarsi secondo le necessità della circolazione del sangue. Una vera e propria anomalia (disfunzione endoteliale) che può più facilmente portare poi alla formazione di placche aterosclerotiche.

Come se non bastasse, infine, l’occlusione più veloce della carotide provocata dalle polveri sottili e dal colesterolo elevato, aumenta la possibilità di eventi cardiovascolari, in primis l’infarto. La riconferma, se ne avevamo bisogno, che la nostra salute dipende anche dall’ambiente in cui viviamo. Se maltrattiamo quest’ultimo, maltrattiamo noi stessi.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook