venezia navi

Nonostante il traffico e le dimensioni delle grandi navi da crociera siano in aumento, sorprendentemente nella laguna di Venezia si registra una riduzione dell'inquinamento.

A dimostrarlo uno studio dell'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche (Isac-Cnr) di Lecce, svolto in collaborazione con l'Università Ca' Foscari di Venezia, e pubblicato sulla rivista Atmospheric Environment.

Il lavoro ha analizzato i dati ottenuti nel periodo estivo del 2007, del 2009 e del 2012 nell'area urbana. "È risultato che l'impatto del traffico navale sulle concentrazioni di particolato atmosferico fine (Pm2.5) dovuto alle emissioni primarie, ossia emesso come tale dai camini delle navi, è diminuito dal 7% del 2007 al 3.5% del 2012. Nello stesso periodo, il tonnellaggio associato al traffico navale passeggeri è invece incrementato del 47%", spiega Daniele Contini, ricercatore Isac-Cnr.

A determinare questa svolta positiva sarebbe stato l'impiego di carburante 'green' a basso contenuto di zolfo, in ottemperanza alla nuova normativa europea e secondo l'accordo 'Venice Blue Flag' siglato tra enti locali (Comune, autorità portuale e Capitaneria di porto).

"Per la prima volta i risultati mostrano che le strategie di mitigazione a livello internazionale e locale, basate sulla riduzione del contenuto di zolfo nei carburanti ad uso navale, sono efficaci nel ridurre l'impatto primario del particolato e non solo nell'abbattere l'impatto secondario delle concentrazioni di ossidi di zolfo e di solfato", continua il ricercatore.

Inoltre la ricerca evidenzia che "l'impatto del traffico navale è significativamente maggiore sulle particelle di piccole dimensioni (particelle ultrafini e nanoparticelle) rispetto alle particelle di maggiori dimensioni Pm2.5 o Pm10. Una conclusione, in linea con le osservazioni svolte in altri porti del bacino mediterraneo, che mostra come le concentrazioni di tali particelle potrebbero essere un parametro più idoneo al monitoraggio e all'analisi dell'impatto del traffico navale nelle aree costiere", conclude Contini.

Un successo, però che non risolve il problema. Intanto, infatti, è passata quasi inosservata la notizia della marcia indietro proprio sullo stop alle grandi navi a Venezia da parte della Prima sezione del Tar Veneto (con sentenza n. 13/2015), che ha disposto, riporta Il Velino, l'annullamento dell'ordinanza della Capitaneria di Porto di Venezia del 5 dicembre 2013 sulle limitazione del transito nel canale della Giudecca e nel canale di San Marco di navi passeggeri di stazza lorda superiore a 40.000 GT, nonché il divieto per l' anno 2015 del passaggio nei medesimi canali, di navi passeggeri di stazza lorda superiore a 96.000 GT.

Secondo il Tribunale amministrativo regionale, l'ordinanza non sarebbe legittima per l'assenza dei presupposti previsti dall'art.3 del decreto interministeriale n. 79/12 (cosiddetto Clini – Passera) ai sensi del quale i divieti predetti "avrebbero potuto applicarsi soltanto a partire dalla messa a disposizione di vie di navigazione alternative rispetto a quelle attualmente in uso e, allo stato ancora non praticabili".

Il ministero delle Infrastrutture e ha fatto sapere che presenterà appello in Consiglio di Stato contro la sentenza, mentre twitter il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti ha scritto invece sul suo profilo Twitter:

"Venezia Grandi Navi Governo conferma no a condomini galleggianti nel bacino di San Marco. Laguna patrimonio assoluto da difendere".

Roberta Ragni

Leggi anche:

Ritornano i fenicotteri a Venezia: l'inquinamento diminuisce e la laguna si (ri)tinge di rosa

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog