Clistopyga crassicaudata, la nuova specie di vespa con un mega pungiglione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una nuova specie di vespe è stata scoperta in Amazzonia da un team di scienziati dell’Università finlandese di Turku. Una creatura dalle sorprendenti capacità, dotata di un pungiglione eccezionalmente grande che ha sorpreso gli scienziati.

Il nuovo insetto, chiamato Clistopyga crassicaudata, si trova nella zona di transizione estremamente diversificata tra le Ande e la foresta pluviale amazzonica e usa l’enorme pungiglione sia per deporre le uova che per iniettare il proprio veleno, paralizzando le proprie vittime.

I ricercatori dell’Unità di Biodiversità dell’Università di Turku negli ultimi anni hanno scoperto e descritto diverse nuove specie animali provenienti da tutto il mondo, in particolare dall’Amazzonia. Molti di essi hanno caratteristiche e abitudini insolite. Nel loro ultimo studio, in collaborazione con i colleghi provenienti da Colombia, Spagna e Venezuela, gli scienziati hanno scoperto questa nuova specie di vespe.

Un pungiglione pauroso e speciale

Il pungiglione della nuova vespa parassitaide non è solo lungo ma anche molto più largo rispetto a quello delle altre simili. Tutte le vespe, come api e calabroni, hanno un pungiglione per iniettare il veleno o deporre le uova. Le vespe parassitoidi di solito ne hanno uno lungo e ovopositore (l’organo di cui sono dotate le femmine per deporre le uova) utile per raggiungere gli animali ospiti che vivono all’interno di un albero, ad esempio. Con l’ovopositore, l’uovo è posto sopra o all’interno dell’ospite e, poiché funziona anche come pungiglione, la vespa femmina può iniettare veleno nell’ospite per paralizzarlo.

Ho studiato parassiti tropicali per tanto tempo ma non ho mai visto niente del genere. Il pungiglione sembra un’arma feroce” ha detto il prof. Ilari E. Sääksjärvi.

Così si comporta la nuova vespa scoperta tra gli esemplari di insetti osservati nella foresta pluviale delle pianure amazzoniche. Le specie parassitoidi recentemente descritte appartengono al raro genere Clistopyga specializzato nella deposizione delle uova in ragni o sacche di uova di ragno. Le vespe cercano i ragni che vivono nei nidi e li paralizzano con una rapida iniezione di veleno. A quel punto, la vespa femmina depone le uova sul ragno paralizzato e la larva si nutri di esso, delle sue eventuali uova e addirittura dei piccoli.

Non si sa con certezza quale ragno preferisca questa specie di vespe. Secondo gli scienziati finlandesi, il pungiglione gigante è molto probabilmente anche uno strumento altamente sofisticato, “ma sfortunatamente possiamo solo ipotizzare il suo scopo”.

Preziose vespe

Il gruppo di ricerca dell’Unità di Biodiversità sta attualmente richiedendo finanziamenti per nuovi studi sul campo, per cercare altre vespe parassitiche nell’Amazzonia occidentale. Esse infatti aiutano anche a conservare le foreste pluviali in via di estinzione.

clistopyga crassicaudata

Specie belle ed eccitanti con strane abitudini catturano l’attenzione delle persone e sottolineano l’importanza di salvaguardare gli ecosistemi vulnerabili” conclude Sääksjärvi.

La Natura non finirà mai di stupirci.

Lo studio è stato pubblicato su Zootaxa.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook