Ritrovati 20 cadaveri di cuccioli di leone nella fattoria degli orrori dove si allevavano per far divertire i turisti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Di questa fattoria degli orrori del Sud Africa ne avevamo già parlato perché qui i leoni, anziché essere protetti e salvaguardati, vengono allevati in cattività per essere utilizzati nell’industria del turismo. E ora, come se non bastasse, 20 cuccioli sono stati ritrovati in un congelatore in seguito a un’ispezione a sorpresa, come riportato da Iol.

Alcuni dei cuccioli, ammalati, sono morti in modi terribili, un altro cucciolo è stato trovato in un ripostiglio. E altri ancora sono stati sottoposti a eutanasia perché mostravano segni di una grave condizione neurologica che impediva loro di muovere le gambe provocando l’oscillazione continua della testa.

La stessa fattoria era già stata ispezionata ad aprile dalla NSPCA, la National Society for the Prevention of Cruelty to Animals, che aveva trovato 108 leoni trascurati e altri animali in condizioni assurde, stipati in luoghi sovraffollati e privi di pelo a causa della rogna acuta. Per questo motivo il proprietario della fattoria, Jan Steinman, venne accusato e ora la storia si ripete.

Leoni uccisi

La NSPCA ora vuole indagare le cause che hanno provocato i disturbi neurologici nei cuccioli di leone e ipotizzano che sia coinvolta una tossina o una predisposizione genetica dovuta all’incrocio fra consanguinei. Un’altra ipotesi riguarda le carenze nutrizionali dovute, forse, al prematuro distacco dalle madri. I leoncini delle fattorie come questa vengono infatti rubati alle madri precocemente per essere usati come veri e propri oggetti nelle fotografie dei turisti.

Va da sé che i cuccioli soffrono e le madri sono costrette a un ciclo riproduttivo estenuante, rinchiuse in recinti, spesso senza cibo e in condizioni igieniche pessime. Una vera sofferenza per i poveri leoni, sfruttati per la felicità dei turisti, spesso ignari di come sono davvero trattati.

Scoprirlo proprio oggi, Giornata Mondiale del Leone, è davvero una pessima notizia!

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Photo Credit: Iol

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook