Bracconieri uccidono cicogna bianca nel suo nido in Calabria

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ancora i bracconieri, ancora una morte innocente e pericolosa: un esemplare di Cicogna bianca è stato ucciso a fucilate nel suo nido, in provincia di Cosenza. L’atto di umana prepotenza è avvenuto ancora una volta contro una specie protetta, per giunta monogama, quindi con rischi per la riproduzione.

Lo sfortunato individuo era una Cicogna bianca, una specie protetta che sta ricolonizzando le provincie di Cosenza e Crotone grazie al progetto di recupero della Lega Italiana Protezione Uccelli (Lipu).

L’associazione è intenzionata a sporgere denuncia contro ignoti e chiede l’istituzione del Daspo, la sospensione immediata della caccia anche per i prossimi anni nella zona che è stata interessata da questo grave episodio di bracconaggio.

La Cicogna bianca (nome scientifico Ciconia ciconia) è una specie protetta dalla Direttiva Uccelli. Essa aveva abbandonato l’Italia già nel 1700, quando, storicamente, si data l’estinzione nel nostro Paese. La storia recente è dunque quella di una ricolonizzazione, a partire dal primo nido avvistato in Piemonte nel 1959.

Una storia quindi di recupero faticoso di una specie minacciata da vari fattori ambientali e climatici, a cui si aggiunge l’operato insensato dei bracconieri. “Si tratta di un atto gravissimo e inqualificabile – tuona la Lipu – ai danni di una specie protetta”.

L’uccisione del povero esemplare, che ricorda tristemente quanto avvenuto a gennaio in Toscana, infatti, non è solo un atto grave di per sé, rivolto ad un individuo nel suo nido e appartenente ad una specie protetta. Le cicogne, infatti, sono animali monogami, quindi è possibile che il compagno, rimasto solo, non si riproduca più, vanificando gli sforzi per ripopolare la zona.

Quasi sicuramente, inoltre, l’uccello occupava il nido sin dal 2009, un sito storico dunque, visto che si trattava della prima nidificazione su piattaforma nido nella valle del Crati (CS).

Impegno, dedizione e tanto amore da parte degli animali, resi vani da un ignobile colpo di fucile.

Leggi anche:

Roberta De Carolis

Foto: Lipu

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook