Invasione di cavallette in Sardegna: chiesto lo stato di calamità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le cavallette stanno flagellando la Sardegna. Quella che è stata definita come la più massiccia invasione degli ultimi 70 anni rischia di mettere in ginocchio alcune aree dell’isola. E molti comuni hanno chiesto lo stato di calamità.

La Sardegna, già da maggio in grave difficoltà a causa della imponente invasione di cavallette, è allo stremo. Nel nuorese sono stati distrutti oltre 30mila ettari di colture soprattutto nella media valle del Tirso e dalle pendici del Goceano sino all’alto Oristanese, nella Sardegna Centrale. Le aziende agricole più colpite sono quelle dei comuni di Ottana, Orotelli, Oniferi, Orani, Illorai, Bolotana, Silanus e Sedilo, per questo la maggior parte delle amministrazioni ha dichiarato lo stato di calamità.

Secondo Coldiretti, infatti, i danni causati dall’invasione di locuste nel nuorese ha provocati danni per milioni di euro. Le cavallette hanno distrutto grano, ortaggi, foraggi, erba medica e altre colture. Si tratta di una vera e propria catastrofe biologica, che sta mettendo in ginocchio un centinaio di aziende della Valle del Tirso,

“per i quali occorre l’immediato riconoscimento dello stato di calamità”

dice Coldiretti secondo cui a favorire l’invasione sono gli effetti di un 2020 caratterizzato da un inverno fin troppo mite e da piogge dimezzate e con il secondo semestre più caldo dal 1800 etemperature superiori di 1,1 gradi rispetto alla media.

“Le condizioni climatiche agevolano, infatti, uno sviluppo anomalo di questo insetto con “invasioni bibliche” che, dopo aver toccato 23 paesi tra Africa, Medio Oriente e Asia, hanno raggiunto anche l’Italia, ricordando quelle del passato”.

Non a caso, secondo la Banca Mondiale, l’invasione di locuste del 2020 è la più massiccia degli ultimi 70 anni.

Non solo le campagne. Le cavallette stanno provocando gravi danni anche nelle città devastando orti e giardini. L’unica speranza, ancora una volta, è fornita dalla natura tramite i predatori naturali, come gli uccelli che potrebbero aiutare a contenere le locuste.

“Una vera e propria emergenza che – conclude la Coldiretti – si abbatte sulle imprese agricole colpite anche dalla crisi economica generata dal coronavirus con 6 aziende su 10 (58%) che hanno registrato una diminuzione dell’attività”.

Secondo il sindaco di Ottana, Franco Saba, in ogni caso vannno indennizzati i danni attuali

“e concretizzata un’azione preventiva per evitare che il fenomeno si ripeta nei prossimi anni”.

Si spera nello stanziamento di fondi regionali a sostegno della cosiddetta lotta biologica da parte di allevatori e agricoltori, con l’aratura del terreno in autunno in modo che vengano distrutte le uova destinate a schiudersi nella primavera successiva, ma anche che ci sia una struttura regionale incaricata di programmare gli interventi contro l’azione divoratrice delle locuste.

Fonti di riferimento: Agi, Coldiretti

LEGGI anche:

Milioni di cavallette stanno invadendo i campi della Sardegna, distruggendo pascoli e raccolti

Incubo cavallette in Sardegna: milioni di esemplari stanno devastando i campi

In arrivo la più devastante invasione di cavallette degli ultimi 70 anni. L’allarme degli esperti

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook