I cani riescono a sentire il dolore anche delle persone che non conoscono. E le consolano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I cani lo sanno. Annusano il nostro dolore e leccano le ferite dell’animo e del corpo. Chi ha un cane sottoscriverà ogni parola, perché sa bene come il miglior amico dell’uomo sia capace di capire quando e quanto siamo in difficoltà. E di consolarci profondamente. Ciò che forse stupirà, è che questo accade anche se non si tratta del padrone, ma di uno sconosciuto. Da una ricerca arriva la conferma scientifica.

I cani annusano e leccano gli esseri umani in difficoltà, comportandosi in maniera sottomessa proprio per offrire conforto. Lo dicono i ricercatori del Goldsmiths University of London, che hanno analizzato il comportamento di diciotto cani da compagnia, appartenenti a una vasta gamma di età e razze, in quattro diverse condizioni sperimentali di 20 secondi, in presenza sia dei loro proprietari che di sconosciuti. Agli animali “umani” è stato chiesto di parlare, di canticchiare o di far finta di piangere. Risultato? È nella naturale indole del cane, secondo quanto riporta il Daily Mail, rassicurare gli esseri umani in difficoltà, anche se non si tratta del padrone.

I cani, infatti, hanno mostrato che sono molto più propensi a toccare, annusare e leccare le persone che stanno piangendo, smettendo di fare qualsiasi cosa stiano facendo. “Abbiamo chiesto ai partecipanti di canticchiare perché questo era un comportamento relativamente nuovo, che avrebbe potuto destare curiosità nel cane. Ma il fatto che i cani abbiano fatto delle distinzioni tra piangere e canticchiare indica che la loro risposta al pianto non è stata spinta dalla curiosità“, ha spiegato Deborah Custance del Goldsmiths.

Il pianto, semmai, ha portato un maggiore significato emotivo per i cani ed ha provocato una forte risposta“, conclude la ricercatrice, con i cani che prima si sono avvicinati pian pianino e poi hanno toccato chi piangeva in modo rassicurante. E ciò è accaduto indipendentemente dal fatto che si trattasse del loro proprietario o di uno sconosciuto. Perché i cani non discriminano nessuno e ti confortano a prescindere dall’identità. Profonda, sconvolgente empatia. I cani lo sanno.

Roberta Ragni

Leggi anche Gli animali domestici fanno bene al cuore. Purché batta per loro

Leggi anche Cani annusa Tumori_ arrivano anche in Italia i Medical Detecion dogs

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook