Belgian Blue: l’era delle super mucche modificate dall’uomo (video)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le chiamano tutti “Super mucche” o “Monster Cows” (mucche-mostro), ma il loro vero nome è Belgian Blue. Si tratta di animali modificati dall’uomo, mediante la riduzione della miostatina, la proteina che inibisce la crescita muscolare (attraverso una selezione artificiale). Questo consente loro di crescere in maniera anormale e di fornire, di conseguenza, una carne più prelibata per via dell’assenza di grassi.

Un segmento di una trasmissione del National Geographic offre uno scorcio del misterioso mondo di questa razza, le cui origini risalgono al 1800, quando gli scienziati e gli agricoltori del Belgio decisero di allevare questo bestiame ibrido forte e muscoloso. Nel corso del tempo, selezionarono gli animali più forti e più grandi di ogni varietà e li allevarano insieme per creare discendenti presumibilmente superiori.

“L’allevamento selettivo viene utilizzato dagli agricoltori per migliorare tratti desiderabili negli animali – dice il National Geographic Channel – E ‘tutta una questione di gestione del sesso. Per creare le Belgian Blue per oltre 100 anni, gli agricoltori hanno consentito solo a mucche e tori con maggiore massa muscolare di accoppiarsi. E il risultato è un toro che pesa oltre una tonnellata”.

Sono passati secoli e questa tradizione è ancora viva. Ma oggi i metodi sono più selettivi e i progressi tecnologici hanno dato agli agricoltori una nuova visione delle modificazioni genetiche. Come risultato, gli esemplari hanno un difetto genetico intrinseco, che consente ai muscoli di continuare a crescere, dando alle mucche le loro enormi dimensioni.

belgian blue2

Per garantire che il gene difettoso venga passato, l’accoppiamento è stato sostituito dalla tecnologia in forma di inseminazione artificiale. Ecco l’ennesimo caso che dimostra come la produzione industriale non vada affatto di pari passo con buona salute degli animali.

AGGIORNAMENTO DEL 04 SETTEMBRE

In molti in queste ore stanno gridando alla bufala, dal web ai social, parlando di mucca “non modificata dall’uomo”, ma di “mutazione NATURALE causata dal cattivo funzionamento del gene della miostatina, mutazione che ha portato questa razza ha sviluppare le caratteristiche che vediamo oggi” (è un copia incolla e l’ ‘h’ in più non è un mio errore).

Effettivamente, e l’articolo non dice affatto il contrario, la mutazione iniziale è naturale, ma è la selezione operata dall’uomo, attraverso l’inseminazione artificale e i parti cesarei, ad aver permesso che il difetto venisse trasmesso per creare mucche sempre più grandi.

Per cui, sì, lo ribadiamo: la belgian blue è, in questo senso, il risultato di una selezione artificiale, umana. Non si tratta di organismi geneticamente modificati, come qualcuno ha voluto far credere che noi avessimo detto (non lo abbiamo mai scritto). Basta vedere il video del National Geographic e leggere la pagina wikipedia alla voce “Miostatina” per capire che l’intervento dell’uomo c’è stato e come. Avremmo gradito che si fossero persi almeno 5 minuti nel leggere bene il pezzo, prima di metterci in bocca cose che qui non vengono scritte. Di chi è la vera bufala?

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook