Avvistata la tigre della Tasmania, dichiarata estinta ufficialmente da più di 80 anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli scienziati ne avevano dichiarato l’estinzione nel 1936, ma negli ultimi tre anni il governo australiano ha ricevuto ben otto segnalazioni di avvistamenti da turisti e residenti sicuri di aver incontrato l’animale.

Parliamo della tigre della Tasmania, conosciuta anche come tilacino, un marsupiale carnivoro che viveva in Australia, Nuova Guinea e Tasmania.

Il superpredatore rappresentava l’unica specie ancora in vita della famiglia dei Thylacinidae: somigliava a una iena di grandi dimensioni, con una lunghezza che poteva raggiungere i due metri, coda compresa, un’altezza di circa 65 centimetri e un peso fino a 30 kg.

Il muso dell’animale era simile a quello di un cane o di una volpe, il corpo curvo e una lunga coda spessa e rigida. Il pelo del tilacino era corto e di colore fulvo, con una caratteristica striatura nella parte posteriore del dorso, da cui il nome “tigre marsupiale”.

Nonostante l’animale fosse in cima alla catena alimentare, si ritiene che la caccia, unita alla distruzione del suo habitat e alla competizione con il dingo, ne abbia provocato l’estinzione prima in Australia, poi in Nuova Guinea e infine in Tasmania.

Da allora gli scienziati non hanno smesso di cercare esemplari di tilacino in natura, nella speranza che la specie sia sopravvissuta. Stando ai numerosi avvistamenti è possibile che sia davvero così: in alcune segnalazioni i testimoni si dicono sicuri al 100% che l’animale da loro incontrato fosse proprio una tigre della Tasmania.

Le segnalazioni sono state recentemente pubblicate dal Dipartimento delle industrie primarie, parchi, acqua e ambiente: dal 2016 a oggi, otto persone sostengono di aver incontrato esemplari di tilacino, da solo o con i propri cuccioli, o di aver trovato impronte di questo animale.

Gli scienziati conservano dal 2002 il DNA della Tigre della Tasmania e il marsupiale è candidato a progetti di clonazione, ma la speranza è che esista ancora in natura e queste segnalazioni siano la prova del fatto che l’estinzione del tilacino non sia mai avvenuta.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Photo credit: The Thiylacine Museum

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Enel Green Power

Aumenta la propria capacità rinnovabile nel 2020: al via i primi progetti e iniziative

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook