delfini rimini

Giù la maschera dei delfinari dell´Unione Europea, inclusi quelli italiani: il loro tanto declamato contributo alla conservazione della diversità biologica è scarso, scarsissimo, quasi nullo. Le strutture non ottemperano, dunque, alle disposizioni della Direttiva Zoo 1999/22/CE relativa alla custodia degli animali selvatici nei giardini zoologici.

Forti di ciò, LAV e Marevivo sollecitano la Commissione Europea ad avviare una procedura d'infrazione nei confronti del nostro Governo. A supporto di questa richiesta, hanno presentato un dettagliato Rapporto, elaborato dalla Whale and Dolphin Conservation in collaborazione con Born Free Foundation ed ENDCAP, sulle gravi violazioni nei delfinari dell'Unione Europea, dove attualmente vi sono 34 delfinari, con 305 cetacei, fra piccole balene, delfini e focene; in tutto sono 15 gli Stati Membri che ancora tengono cetacei in cattività.

Come si evince dai risultati dell´analisi, in particolare, gli Stati Membri vengono meno al loro obbligo di assicurare che gli zoo partecipino ad attività di conservazione delle specie, promuovere l´educazione e la sensibilizzazione del pubblico, offrire agli animali ambienti in grado di soddisfare le loro esigenze biologiche e di conservazione, (gli arricchimenti ambientali specie-specifico sono un requisito-chiave della Direttiva 1999/22/CE, eppure largamente disatteso).

La realtà, purtroppo, supera anche le ipotesi più pessimiste. Tutti i delfinari esaminati, inclusi Delfinario di Rimini (i cui delfini sono stati recentemente sottoposti a sequestro preventivo, mentre il Ministero dell'Ambiente ha negato la licenza alla struttura), Oltremare di Riccione, Zoomarine Roma, Fasanolandia e Gardaland, che però ha successivamente chiuso il delfinario, mostrano scarso impegno nelle attività di divulgazione al pubblico.

Su 13 delfinari, per esempio, solo 4 disponevano di cartelli informativi sulle specie di cetacei esposte. Su 18 spettacoli analizzati presso 17 delfinari di 10 Stati Membri dell´UE, solo il 12% in media ha fornito informazioni sulla biologia e sul comportamento dei cetacei esibiti, mentre 2 spettacoli non hanno fornito alcuna informazione del genere. 17 non hanno informato il pubblico sulle zone di distribuzione in natura delle specie custodite, mentre 8 non hanno precisato che i delfini sono mammiferi e nessuno ha fatto riferimento allo stato di conservazione delle specie.

Fra i 34 delfinari considerati nel documento, soltanto 14 promuovono attivamente, sui loro siti internet, la loro partecipazione a ricerche sui cetacei. Ma nessuno dei cetacei tenuti in cattività nell'UE ha la libertà di esprimere un comportamento normale, un principio-guida per il benessere degli animali. Fra i cetacei tenuti in cattività, sono comuni situazioni di stress e comportamenti stereotipati.

Come se la cattività non fosse sufficiente, trentadue delfinari dell´UE organizzano regolarmente, a pagamento, dimostrazioni o spettacoli di cetacei destinati al pubblico, spesso con accompagnamento musicale ad alto volume. Durante questi spettacoli, gli animali svolgono una serie di giochi e acrobazie e mostrano atteggiamenti innaturali. Questo tipo di dimostrazioni e l´uso di musica ad alto volume in prossimità degli animali sono scoraggiati dalla European Association of Aquatic Mammals.

Venti delfinari offrono ai visitatori l´opportunità di avvicinarsi ai cetacei, ad esempio per scattare foto, nuotare con i delfini o praticare la delfinoterapia. Il contatto diretto fra il pubblico ed i cetacei in cattività espone entrambi a notevoli rischi di contrarre malattie o riportare infortuni. Il Rapporto, infine, conferma che i tassi di sopravvivenza dei cetacei tenuti in cattività sono inferiori a quelli che si riscontrano in natura ed esprime preoccupazioni sia per la mortalità dei piccoli sia per il numero di delfini maschi disponibili per la riproduzione in cattività, con possibili implicazioni per la futura crescita della popolazione in cattività.

In alcune parti del mondo, sono tuttora in corso catture dall´ambiente naturale per alimentare la discutibile "industria" mondiale dei delfinari. Se il numero dei delfinari dell´UE resterà inalterato o aumenterà, potranno rendersi necessarie ulteriori importazioni di delfini prelevati dall´ambiente naturale. Tali catture possono costituire, peraltro, una grave minaccia per le popolazioni di cetacei che vivono in natura. I dati commerciali indicano che, fra il 1979 e il 2008, sono stati importati 285 cetacei vivi nell´UE, nonostante il divieto di cui al Regolamento (CE) n.338/97 (CITES) sull´importazione di cetacei nell´UE a fini prevalentemente commerciali.

"Sollecitiamo il Ministro dell'Ambiente al pieno rispetto della Direttiva 1999/22/CE, seppure tardivo, e la Commissione UE a mettere in atto ogni intervento per garantire il rigoroso rispetto di tale normativa: ogni giorno vengono traditi gli importanti obblighi di conservazione di queste specie, di informazione e sensibilizzazione del pubblico", affermano LAV e Marevivo. I delfinari, si ribadisce, non hanno alcuna funzione educativa né scientifica o di conservazione della specie, ovvero non rispettano queste caratteristiche obbligatorie per legge, facendo invece spettacolo: un inganno inaccettabile. Questa è la verità sui delfinari.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

- Delfini: ecco perché l'Europa si mobilita per far chiudere i delfinari

- Gli italiani vogliono i delfinari ?

- Chiude il delfinario di Gardaland, ma non e' una svolta etica

- Delfinario di Rimini: primo sequestro di delfini in Europa per maltrattamento animale

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram