©Sergio Costa/Facebook

Sarno, incastrati i killer del “fiume dei veleni”: finalmente individuati 41 scarichi abusivi e sequestrate 36 aziende

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È tra i più brevi eppure il più inquinato d’Europa: il fiume Sarno, in Campania, soltanto 24 chilometri dal Golfo di Napoli alle sue cinque sorgenti ai piedi dei monti Picentini, tra l’omonimo comune e Nocera Inferiore, è da una vita il “fiume dei veleni”, serbatoio di sversamenti industriali illeciti e scarichi a cielo aperto di fogne urbane. Un disastro ambientale reiterato per decenni, ma ora qualcosa si sta muovendo.

Sono ormai mesi, infatti, che il Ministero dell’ambiente si impegna a intervenire con controlli più serrati e sequestri di aziende che scaricano illegalmente acque reflue industriali a ridosso del bacino del fiume. Gli scarichi illegali sono stati scoperti nel corso del tempo in seguito a indagini del nucleo investigativo ambientale dei Carabinieri.

Basta veleni nel Fiume Sarno, tornato nero in un solo giorno: la petizione per fermare (e punire) gli scarichi illeciti

Nelle ultime ore, il Ministro Sergio Costa ha annunciato nuovamente che soltanto negli ultimi 6 mesi sono state controllate oltre 260 attività produttive e denunciate 144 persone, individuati 41 scarichi abusivi, 36 sequestri tra aziende o parti di esse e 57 sanzioni amministrative per un importo pari a circa 225 mila euro.

Il Sarno è stato negli anni soggetto ad aggressioni criminali per quanto riguarda sversamenti di materiale inquinante – dice Costa in un post. Grazie a una intensa e complessa campagna di controlli, anche con l’ausilio di droni, abbiamo represso fenomeni di abbandono di rifiuti nonché di illeciti sversamenti da parte di imprese nelle aree del bacino del fiume Sarno“.

Un lavoro intenso ma necessario, che vede coinvolte varie istituzioni e che insieme si impegnano per porre un freno alle cause dell’inquinamento di un fiume che ha tutto il diritto di essere come gli altri.

I controlli non si fermano neanche un giorno – conclude Costa. Il lavoro è ancora tanto ma vi prometto che quel territorio tornerà ad avere una dignità ambientale come non si vede da ormai troppo tempo“.

Fonte: Sergio Costa Facebook

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
eBay

Come trasformare il tuo terrazzo o balcone in una piccola oasi con le fioriere giuste

Deceuninck

Mare, montagna o città? Come scegliere le finestre più adatte al luogo in cui vivi

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook