Allarme diossina a Roma. Da Parco a discarica abusiva: i rifiuti speciali bruciano da un mese

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una nube tossica che inonda le case e che non fa dormire sonni tranquilli agli abitati di Centocelle, quartiere periferico di Roma.

Dal Parco archeologico, trasformato in una gigantesca discarica, dal 1 gennaio arriva un fumo nero, forse causato dal lancio di un petardo che avrebbe dato vita a un incendio partito la notte di Capodanno e mai estinto fino a oggi.

I cittadini del V municipio romano parlano di almeno 5 metri di rifiuti interrati in quello che, un tempo, era un meraviglioso parco archeologico. Decine di segnalazioni e denunce per fermare questo inquinamento atmosferico, fumi ed esalazioni nocive per le vie respiratorie che, da oltre un mese, non risparmiano nessuno: le palazzine Ater dove risiedono 147 famiglie, ma anche le aule del liceo Kant.

Nonostante diversi interventi, l’ultimo quello del 16 gennaio con l’ausilio di una ruspa, l’incendio non si è mai definitivamente spento, trattandosi con tutta probabilità di un incendio di natura covante localizzato all’interno delle gallerie che caratterizzano il sottosuolo del parco archeologico (le antiche fungaie).

La nube tossica e l’odore acre rimangono, mentre continuano i sopralluoghi dei tecnici del dipartimento Ambiente e dell’Ufficio Giardini.

Nel frattempo però, si continua a respirare diossina proveniente dal canalone e dalla voragine.

Secondo i residenti la fuoriuscita è costante sia dalla bocca del tunnel che dalla buca aperta tra le case di via Casilina e Centocelle.

fumo tossico centocelle1

Neanche gli idranti e lo smistamento dei rifiuti superficiali ha finora fermato il fumo, per questo si è in attesa di un piano risolutivo e non temporaneo.

Arpa Lazio ha avviato delle analisi sui rifiuti e sono in corso le procedure per capire di che materiale si tratti.

fumo tossico centocelle2
fumo tossico centocelle3

Non c’è da sorprendersi purtroppo perché la zona non ha mai subito una bonifica.

Fino a 8 anni fa, nel parco era stato allestito un campo nomadi, uno dei più grandi della Capitale.

Adesso i 120 ettari di ville di epoca romane, terme e reperti storici presentano il conto, e anche molto salato.

La nube tossica scoperchia una situazione finora sottaciuta, basti pensare che all’interno c’è una rimessa d’auto abusiva mai smantellata.

Arriva anche la nota del Wwf Lazio -gruppo attivo Pigneto-Prenestino:

“Per superare definitivamente questa emergenza occorre intervenire all’interno delle gallerie, per individuare il punto dove è in atto la combustione e procedere alla sua estinzione e alla bonifica del sito, per impedire il ripetersi della stessa situazione e scongiurare l’inquinamento dei terreni e della falda acquifera sottostante”.

Pensare che siamo nel cuore dell’antico praedium imperiale Ad Duas Lauros (IV sec. d.C.), con un patrimonio storico archeologico unico al mondo per stratificazioni di età preistoriche, antiche e storiche contemporanee di notevole interesse con ville romane, l’antico tracciato della via Labicana, sepolcri, mausolei, il tratto sotterraneo dell’antico Acquedotto Alessandrino, il Forte Casilino, l’aeroporto dismesso “Francesco Baracca”, tracce di insediamenti preistorici.

Dominella Trunfio

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook