Disastro ambientale, a Napoli il mare diventa bianco: pesci e gabbiani morti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un sostanza bianchiccia e collosa, dall’odore dolciastro di Vinavil, sta inquinando il mare di Napoli

Il mare di Napoli si tinge di uno strano e malsano colore bianco. È allarme sulle coste del Lungomare Caracciolo, nell’area di Mergellina, dove tra il 7 e l’8 gennaio le acque hanno assunto questa anomala colorazione biancastra. Ad aver riversato in mare migliaia di litri di poltiglia biancastra è stato un autospurgatore di Caivano, incastrato dalle telecamere.

L’ultimo aggiornamento di questa triste vicenda vede coinvolto un autospurgatore che avrebbe gettato in un tombino la poltiglia biancastra. Secondo quanto riportato da Il Mattino, l’indiziato è stato già interrogato ma avrebbe negato ogni responsabilità. L’uomo è stato intercettato dagli inquirenti e sottoposto ai primi accertamenti proprio nel luogo in cui potrebbe essere avvenuto lo sversamento illegale, un palazzo di via Gramsci. Gli inquirenti hanno notato che una sostanza simile a quella bianchiccia finita in mare in un tombino non lontano dal porto.

Secondo quanto verbalizzato dagli uomini della Municipale alle 9,30

“il mezzo ha trovato la cisterna del condominio già piena di fanghi di polvere di marmo e, nel compiere l’operazione di espurgo, dopo avere aperto il tombino del condominio, ha aperto anche un tombino della rete pluviale scaricando il contenuto in mare. Identificato e rintracciato, il responsabile è stato denunciato per l’immissione in mare di rifiuti liquidi speciali e il veicolo cisterna con cui ha eseguito l’immissione è stato sequestrato”.

A confermarlo è stato anche Daniela Villani, delegata al Mare del Comune di Napoli.

Secondo quanto riportato da alcuni testimoni, sarebbero già stati avvistati pesci e gabbiani morti. Non si conoscono ancora le cause e l’origine dell’acqua bianca ma sono in corso una serie di indagini, portate avanti dai Carabinieri.

Gli abitanti della zona e i proprietari delle barche ormeggiate negli ultimi giorni hanno notato lo strano colore dell’acqua, in concomitanza con l’arrivo del maltempo. Secondo le testimonianza, l’acqua appariva bianca in superficie, con una consistenza lattiginosa ma senza alcun odore.

La polizia municipale insieme ai militari della Guardia di finanza e agli esperti dell’Arpad, avevano ispezionato i tombini della zona di Mergellina.

“Ho disposto una ispezione dei fognatori, hanno esaminato i tombini per eventuali rilevamenti della presenza di sostanze estranee, ma l’esito è stato negativo” ha detto l’assessore all’Ambiente Raffaele Del Giudice.

Esaminando i tombini, il comandante dei vigili urbani, il generale Ciro Esposito, aveva già fatto sapere che

“c’è traccia del passaggio, ma ancora non sappiamo da dove la sostanza di colore bianco sia stata dispersa. Di sicuro non è stata sversata in mare, ma attraverso i pozzetti”.

Rintracciato il responsabile, adesso bisognerà capire quali saranno le conseguenze per l’ambiente.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto cover

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook