La nuova marea nera nel Golfo del Messico di cui nessuno parla

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un disastro molto grave, passato quasi sotto silenzio. L’ennesimo sversamento di petrolio che i media di tutto il mondo hanno ignorato. Siamo di nuovo nel Golfo del Messico, dove nei giorni scorsi si è verificata la più grave fuoriuscita di petrolio dal disastro della British Petroleum che nel 2010 provocò l’affondamento della piattaforma Deepwater Horizon e la morte di 11 persone.

La LLOG Exploration Co. ha riferito che tra l’11 e il 12 ottobre, da 7.950 a 9.350 barili di olio sono finiti nelle acque dalle infrastrutture sottomarine, circa 64 chilometri a sud-est di Venice, in Louisiana. Si tratta della più grande fuoriuscita degli ultimi sette anni.

Qualcosa come 1,5 milioni di litri di petrolio stanno mettendo a rischio l’ecosistema marino del Golfo, già provato da numerosi incidenti, primo tra tutti quello della BP.

All’origine del disastro, un guasto tecnico alle condutture a una delle più piccole pipeline utilizzate per collegare un pozzo alle strutture sottomarine vicine.

Le barriere disposte su entrambi i lati della frattura hanno bloccato in parte il rilascio di petrolio. Il sistema sottomarino colpito dal guasto è stato chiuso, riducendo così anche la presenza di greggio trasportato dalla piattaforma galleggiante Delta House.

La BSEE, l’agenzia federale che regola l’energia offshore e le attività estrattive, ha avviato un’indagine per determinare la causa o le cause dell’incidente, cercando di rilasciare anche delle raccomandazioni per impedire che simili eventi avvengano in futuro, come ha precisato Lars Herbst, a capo della BSEE per l’area del Golfo del Messico.

petrolio louisiana

La piattaforma Delta House è attiva dall’aprile 2015 e una capacità massima di 100.000 barili al giorno di petrolio e 6 milioni di metri cubi di gas.

fuoriuscita louisiana

Foto

Adesso sarà necessario capire fino a che punto si sia spinto il petrolio e quali siano i danni per l’ecosistema marino.

LEGGI anche:

Periodicamente ci troviamo a fare i conti con disastri di questo tipo, non solo nel Golfo del Messico ma anche nel Mediterraneo, com’è accaduto di recente in Grecia. Abbiamo davvero così bisogno del petrolio? È naturale chiederselo, ancor più se le alternative esistono e sono decisamente meno inquinanti.

Francesca Mancuso

Foto cover

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook