La nuova rubrica di Matteo Viviani su GreenMe

Mentre la California è ancora alle prese con la marea nera, il governatore chiede lo stop alle trivellazioni in mare aperto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La situazione nelle acque della California è ancora critica a seguito dello sversamento di greggio avvenuto lo scorso sabato, e il governatore della California lancia lo stop alle trivellazioni

È una corsa contro il tempo per provare a contenere il disastro ambientale connesso all’enorme sversamento di petrolio avvenuto lo scorso sabato a largo delle coste sud-californiane, mentre si fa largo una nuova preoccupazione su come la fuoriuscita di greggio sia stata gestita nelle ore immediatamente successive al guasto all’oleodotto.

Secondo la Guardia Costiera locale, sono stati rimossi dal fondale dell’oceano circa 4.000 piedi di tubatura dell’oleodotto. Nella struttura del tubo è stato rinvenuto un taglio di ben 33 centimetri, che avrebbe provocato lo sversamento, anche se la causa non è ancora chiara. Al momento della rimozione, non è stato osservato olio gocciolare dalla tubatura, e sembrerebbe che l’intera struttura sia stata tirata come una corda. Si ipotizza che un’ancora di un’imbarcazione si sia in qualche modo incastrata nella tubatura, tirandola e squarciandola – questo solleverebbe interrogativi sullo stato di salute dell’oleodotto, già vecchio di quarant’anni, e su eventuali lavori di manutenzione che non sono stati fatti.

La perdita sarebbe iniziata sabato, a largo di Huntington Beach, provocata da un danno all’oleodotto gestito da Amplify Energy. Circa 126.000 galloni di greggio si sono riversati in acqua – una quantità sufficiente a riempire un quinto di una piscina olimpionica, che ha creato una macchia ampia 13 miglia sulla superficie dell’oceano.

Si tratta del più grave sversamento di greggio della California dal 2015, e ha generato preoccupazione negli abitanti dell’area ma anche negli ambientalisti, che temono le conseguenze di questo disastro sull’ecosistema e sulla salute degli animali. Il Department of Fish and Wildlife della California ha chiuso gli allevamenti ittici lungo la costa, mentre l’accesso alle spiagge di Huntington Beach è stato vietato dal sindaco.

Il governatore della California, il democratico Gavin Newsom, ha colto l’occasione di questo sversamento per lanciare l’appello a svincolarsi dalla dipendenza dai combustibili fossili, e in particolare dalle trivellazioni in mare aperto:

È tempo, una volta e per tutte, di disilluderci che le trivellazioni siano parte del nostro futuro. Sono parte del passato – ha affermato durante la sua visita a Bolsa Chica State Beach. – Possiamo fare moralismo e parlare dei bei tempi andati, ricordando quanto queste infrastrutture abbiano contribuito alla prosperità del nostro paese e della classe media. Ma poi dobbiamo fare i conti con l’inquinamento dell’ambiente, dell’aria, e non possiamo più permetterci di vivere in una tale situazione.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: NBC Los Angeles

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook