Costa Concordia: nuovo sversamento oleoso in mare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Costa Concordia, un nuovo sversamento di materiale oleoso si è verificato lo scorso weekend all’Isola del Giglio. Le cattive condizioni meteo e la violenta mareggiata che ha colpito l’area marina, hanno fatto sì che parte delle sostanze ancora presenti a bordo della nave da crociera finissero in mare.

Un nuovo disastro ambientale incombe sulla già maltrattata isola dell’arcipelago toscano. Nonostante le rassicurazioni delle autorità, la preoccupazione è forte. Maria Sargentini, presidente dell‘Osservatorio per la rimozione della Costa Concordia, ha confermato che lo sversamento di materiale oleoso del 31 ottobre scorso è stato arrestato già sabato notte. “La situazione è sotto controllo e il materiale che non si è espanso, risultando circoscritto all’interno del dispositivo di panne predisposto dalla società consortile Titan-Micoperi, è stato recuperatoha detto Sargentini. Sul posto è intervenuta anche la Guardia Costiera per verificare sia via mare che con mezzi aerei la presenza di sostanze inquinanti al di fuori dell’area circoscritta dalle panne. Con esito, a quanto sembra, negativo.

Fin da subito, infatti, sarebbero stati attivati i mezzi per il disinquinamento e sono stati fatti arrivare sull’isola anche mezzi aggiuntivi per accelerare le operazioni, a causa delle condizioni meteo e l’arrivo di una nuova perturbazione, nel corso del weekend.

Per verificare la presenza di eventuali sostanze residue, sono stati prelevati campioni del materiale oleoso e sono in corso le analisi. Nel frattempo, continuano le indagini per verificare lo stato dello scafo e cercare di capire l’origine dello sversamento. La Concordia, nonostante tutto, sembra abbia retto abbastanza bene alla prima violenta mareggiata invernale. E in attesa della sua rimozione, questa è una piccola buona notizia. “La situazione ha dimostrato la capacità di resistenza del relitto – ha continuato Sargentini -, e a fronte di un evento caratterizzato da onde di oltre 4 metri, non si registrano spostamenti di scivolamento, sebbene le strumentazioni abbiano segnalato dei movimenti pari a 3 gradi, probabilmente legati alla deformazione dello scafo“.

Per fortuna, l’area dello sversamento è stata immediatamente perimetrata e chiusa attraverso l’utilizzo di panne d’altura e di panne assorbenti, monitorate costantemente per provvedere al loro ricambio. Anche il Mezzo Skimmer Eupontos èstato posizionato e messo in operazione all’interno dell’area interessata e in particolare vicino alla falla del lato sinistro del relitto.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

Naufragio Costa Concordia: i rischi per l’ecosistema. Urge evitare il disastro ambientale

Costa Concordia: i rischi ambientali del naufragio all’isola del giglio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook