tepco risarcimento fukushima

La Tepco dovrà versare un risarcimento pari a 49 milioni di yen, che corrispondono a circa 360 mila euro, alla famiglia della donna morta suicida dopo il disastro di Fukushima. Si tratta del primo indennizzo economico che la società dovrà sostenere a seguito dell'incidente nucleare. La donna si era suicidata probabilmente a causa dello shock sopraggiunto dopo aver abbandonato la propria casa.

Secondo i giudici, Tepco è moralmente responsabile del suicidio della donna. Si tratta di Hamako Watanabe, che al momento dell'accaduto aveva 58 anni. Hamako Watanabe abitava nei dintorni della centrale in un'area che risulta tuttora contaminata e che lo sarà ancora a lungo in futuro. La sua casa si trovava per la precisione nella località di Kawamata, a circa 40 chilometri da Fukushima.

A seguito dell'allontanamento dalla zona di pericolo e dalla propria casa, la donna ricevette il permesso straordinario di visitare l'abitazione alcuni mesi dopo l'incidente. E proprio nella sua vecchia casa decise di suicidarsi. Secondo quanto dichiarato dalla famiglia della donna, l'evacuazione forzata l'aveva condotta alla depressione.

Dopo il suicidio, marito e figli hanno deciso di denunciare la Tepco. A loro, come ad altre migliaia di persone, era stato ordinato di allontanarsi immediatamente dalla zona di pericolo e dalle proprie case, senza la possibilità di portare via con sé i propri averi.

Queste le parole del giudice, Naoyuki Shiomi, che ha pronunciando il verdetto: "L'angoscia e la disperazione di Hamako Watanabe erano senza limiti, dal momento che aveva dovuto abbandonare tanto la sua casa che la sua attività lavorativa, senza alcuna certezza per il futuro".

La Tepco dovrà dunque pagare un risarcimento per i danni morali per la prima volta dopo Fukushima. Sarà un caso singolare o la decisione della Corte giapponese avrà creato un precedente? Nei tre anni trascorsi dall'incidente decine di persone si sarebbero suicidate in Giappone a dunque che altre famiglie decidano di sporgere denuncia verso la Tepco per la tragica scomparsa dei propri cari.

Marta Albè

Fonte foto: bbc.com

Leggi anche:

News greenme 27 agosto 2014

Fukushima: Tepco, risarcimento da 360 mila euro alla famiglia della donna suicida

La Tepco dovrà versare un risarcimento pari a 49 milioni di yen, che corrispondono a circa 360 mila euro, alla

famiglia della donna morta suicida dopo il disastro di Fukushima. Si tratta del primo indennizzo economico che la

società dovrà versare a seguito dell'incidente nucleare.

La donna si era suicidata probabilmente a causa dello shock sopraggiunto dopo aver abbandonato la propria casa.

Secondo i giudici, Tepco è moralmente responsabile del suicidio della donna. Si tratta va di Hamako Watanabe, che

al momento dell'accaduto aveva 58 anni.

Hamako Watanabe abitava nei dintorni della centrale in un'area che risulta tuttora contaminata e che lo sarà ancora

a lungo in futuro. La sua casa si trovava per la precisione nella località di Kawamata, a circa 40 chilometri da

Fukushima. Dopo l'allontanamento dalla zona di pericolo e dalla propria casa, la donna ricevette il permesso

straordinario di visitare l'abitazione alcuni mesi dopo l'incidente. E proprio nella sua vecchia casa decise di

suicidarsi.

Secondo quanto dichiarato dalla famiglia della donna, l'evacuazione forzata l'aveva condotta alla depressione. Dpèp

il suicidio marito e figli hanno deciso di denunciare la Tepco. A loro, come ad altre migliaia di persone, era

stato ordinato di allontanarsi immediatamente dalla zona di pericolo e dalle proprie case, senza la possibilità di

portare via con sé i propri averi.

Queste le parole del giudice, Naoyuki Shiomi, che ha pronunciando il verdetto: "L'angoscia e disperazione di Hamako

Watanabe erano senza limiti, dal momento che aveva dovuto abbandonare tanto la sua casa che la sua attività

lavorativa, senza alcuna certezza per il futuro".

La Tepco dovrà dunque pagare un risarcimento per i danni morali per la prima volta dopo Fukushima. Sarà un caso

singolare o la decisione della Corte giapponese avrà creato un precedente? Nei tre anni trascorsi dall'incidente

decine di persone si sarebbero suicidate in Giappone a causa dello shock e dela depressione, nati dalla

disperazione per aver perso tutto. Si prevede che altre famiglie decidano di sporgere denuncia per la tragica

scomparsa dei propri cari.

Marta Albè

Fonte foto:

Leggi anche:

-
-
-

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram