I mulini storici a pietra rinascono in Calabria grazie ai grani antichi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Valorizzare i grani antichi, i prodotti locali calabresi e creare nuove opportunità di lavoro e di sviluppo. È un progetto ambizioso quello della Comunità dei grani antichi e mulini storici a pietra attivi, che vuole rilanciare la filiera del biologico in Calabria.

“La comunità nasce con l’obiettivo di mettere in rete i mulini a pietra attivi in Calabria, costruire una filiera regionale dei prodotti da forno, pane, pasta con antiche varietà di grani locali e biologici”, ha spiegato Pino Campisi, presidente regionale Acli Terra.

Ripartire, dunque, dalla vocazione agricola per tutelare i piccoli produttori locali che negli ultimi anni, sono stati affossati dalle multinazionali creando una filiera pulita che impegna aziende agricole, mulini, pastifici, panifici e biscottifici.

Il progetto è promosso da un lungo elenco di associazioni, cooperative, aziende e produttori con soggetto proponente il Parco Agricolo Calabria e capofila Slow food Lamezia Terme.

grani antichi mulino

La porta d’ingresso è la terra, considerata come un capitale sociale, in cui i mulini a pietra attivi rappresentano un bene produttivo e culturale che non può e non deve morire. Per questo, la comunità vuole rilanciarli facendoli gestire a imprese artigianali, prendendo esempio dal giovane imprenditore che aveva salvato l’ultimo mulino a pietra bio della Calabria.

LEGGI anche: IL GIOVANE IMPRENDITORE CHE HA SALVATO L’ULTIMO MULINO A PIETRA BIO DELLA CALABRIA

Le farine macinate a pietra mantengono intatto il germe del grano, garantiscono quindi, un prodotto finale che mantiene la genuinità e fa bene alla salute. Nei giorni scorsi vi avevamo parlato di micotossine e pesticidi nella pasta, accuse molto gravi lanciate ai produttori.

grani antichi

La costituzione, dunque, di una filiera regionale pulita potrebbe essere la risposta giusta verso il cambiamento e l’adozione di un’alimentazione più sostenibile.

La Comunità è già a lavoro per mettere in rete i mulini a pietra attivi, per creare un marchio regionale e nuovi posti di lavoro, favorendo anche il reinserimento di soggetti a rischio esclusione sociale, come detenuti e diversamente abili.

LEGGI anche: MICOTOSSINE E GLIFOSATO NELLA PASTA. TUTTA LA VERITÀ E LE MARCHE SOTTO ACCUSA (INTERVISTA)

“È necessario approvare una legge specifica in materia che operi con criteri di certificazione, favorire corsi di specializzazione e l’istituzionalizzazione del progetto da parte dell’Ente Fiera e del Comune di Lamezia Terme con una tre giorni dedicati alla comunità dei grani”, dice ancora Campisi.

Una task force ad ampio respiro, per censire i terreni seminativi disponibili per la coltivazione di grani antichi, per realizzare un parco regionale, per formare esperti in ricerca, recupero e tracciabilità delle varierà di cereali.

In sintesi: lavoro, agricoltura e sviluppo economico in Calabria, una terra di mulini.

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook