bombe-gioielli-cover

Le bombe inesplose si trasformano in cucchiai, ma anche in gioielli e in tante altre cose. Succede a Laos dove gli ordigni neutralizzati diventano una risorsa per la popolazione e così le zone più povere del mondo riescono in parte a rendersi autosufficienti.

Il Laos è uno dei paesi più poveri del mondo, dove si vive con meno di 1,25 dollari al giorno. Il terreno non è coltivabile a causa di decine di milioni di bombe disseminate e inesplose, basti pensare che sono circa 20mila le persone morte o mutilate dagli ordini.

Secondo l'Autorità nazionale di regolamentazione per ordigni inesplosi (UXO), dal 1964 al 1973, gli americani hanno sganciato più di 270 milioni di bombe a grappolo sul Laos, un terzo delle quali non ha brillato. Bombardamenti che avevano lo scopo di distruggere le linee di approvvigionamento vietnamite.

Secondo alcune stime, sul piccolo paese asiatico di sette milioni di abitanti è caduta una bomba ogni otto minuti, per 24 ore al giorno, per nove anni consecutivi. Inoltre, le bombe erano a grappolo: ciascuna di queste dunque era composta da circa 200 sotto-munizioni.

Oggi queste armi di distruzione hanno una nuova vita e gli usi sono più svariati, dai pilastri per sorreggere le case, ai vasi di fiori per ornare i giardini e ancora cucchiaini e gioielli.

Bombe trasformate in cucchiai e gioielli

Da quando aveva otto anni La lok Phengparkdee raccoglie bombe inesplose e le trasforma in cucchiai. Oggi ha 24 anni e ha imparato il mestiere da suo padre che si è inventato questa attività nel 1978.

“In quegli anni le bombe erano ovunque, così mio padre ha pensato di farne una risorsa, ricavando il massimo da quello che c’era”, dice il ragazzo.

Come La lok, anche la trentasettenne Son Mia Seeonchan, ha acquisito una certa manualità nel fare questo lavoro: raccoglie le bombe, le disinnesca, poi le mette a fondere in una fornace costruita in casa e riutilizza il metallo per costruire cucchiai e altri utensili da cucina.

 
bombe cucchiai1
Foto: John Dennehy

“Utilizziamo le risorse che abbiamo, però spero che i miei figli siano l’ultima generazione a dover lavorare con le bombe”, dice la donna.

 
bombe cucchiai
Foto: John Dennehy

Più o meno la stessa cosa succede con i gioielli, da tempo, infatti la disegnatrice Elisabeth Suda ha scoperto questa particolare abilità della popolazione laotiana, ovvero quella di trasformare gli ordini bellici in altro. Nel 2008 mentre si trovava nel sud est asiatico ha avuto l’intuizione: perché non creare gioielli dal metallo inesploso?

All’inizio si è dovuta scontrare con lo scetticismo degli abitanti convinti che mai nessuno avrebbe voluto una collana fatta dalle bombe, ma alla fine si sa che la tenacia aiuta sempre e oggi le creazioni della società Article22 sono una realtà consolidata.

E anche se oggi la sua gioielleria è di lusso, l’obiettivo di Suda è quello di continuare a contribuire allo sviluppo delle realtà con cui collabora per questo finanzia anche le organizzazioni internazionali che si occupano dei paesi più poveri al mondo.

 
bombe gioielli

La realizzazione di gioielli è anche un messaggio positivo: da uno strumento di morte può nascere qualcosa di bello. Ci sono collane, orecchini, bracciali oggi esposti in oltre cento paesi al mondo, compreso il Museo d’arte contemporanea di New York. 
 

Altri bellissimi gioielli nati dal riciclo:

 
Dominella Trunfio

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram