reuse3

È un 'negozio' speciale quello che si trova a Bologna, in via Savenella 13. Qui, infatti, abiti, scarpe, accessori e giochi sono gratis per i cittadini, italiani e stranieri, che ne abbiano necessità. Si tratta del progetto Re-Use for Good dell'associazione Re-Use With Love, realizzato in collaborazione con il Comune di Bologna- Quartiere Santo Stefano.

Tutto ha inizio quando l'Associazione vince nel 2014 un bando del Comune di Bologna-Cittadinanza Attiva per l'assegnazione di un immobile del Baraccano, Quartiere Santo Stefano a Bologna, ora sede operativa dell'associazione, dove avviene la raccolta e lo smistamento dei capi e c'è il nuovo sportello di distribuzione gratuita alle persone bisognose segnalate dai Servizi Sociali e Scolastici.

L'obiettivo è quello di dare supporto alle fasce più deboli attraverso la beneficienza, ma anche promuovere la cultura del riuso e del recupero consapevole. Il tutto in un contesto accogliente, curato ed ordinato. All'interno di questo 'non-negozio', infatti, tutto è stato ben selezionato e disposto per dare l'impressione di fare shopping come in qualsiasi altro normale punto vendita.

reuse4

reuse5

La differenza è che non si paga nulla. Capi di abbagliamento, accessori, scarpe, abbigliamento sportivo, giochi, libri, usati e in buono stato, vengono infatti forniti gratuitamente, o a fronte di una donazione simbolica. Ma non solo: RWL, attraverso il progetto Re-Use for Good, intende promuovere ed organizzare anche eventi, incontri, campagne e altre iniziative sui temi della sostenibilità, della solidarietà sociale e dell'educazione al riuso.

reuse

reuse2

Un luogo di incontro, di confronto, di relazioni. Un posto in cui raccontare le storie E di sostegno a chi vive uno stato di difficoltà. Tutto questo grazie al riutilizzo da un lato e alla beneficenza dall'altro. Una storia che ci ricorda quella di Portobello, nella vicina Modena, il supermercato anticrisi dove non si paga con i soldi, ma con il volontariato. Ma anche quella di "Passamano" di Bolzano, il primo non-negozio dove "comprare" senza pagare.

Ecco come dare risposta concreta ai bisogni delle famiglie povere, facendo bene anche all'ambiente.

Per maggiori informazioni clicca qui

Roberta Ragni

Leggi anche:

Portobello: apre l'emporio anticrisi di Modena, dove non si paga con i soldi

Passamano: il negozio "free" dove non si paga

People's Supermarket: un nuovo modello di supermercato, fatto dalla gente per la gente

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram