Pasta di riporto: cos’è il criscito, come si utilizza il ‘lievito di birra della nonna’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Scopriamo cos'è la pasta di riporto, le differenze rispetto alla pasta madre, come si utilizza in cucina e qualche ricetta prelibata.

Avete mai sentito parlare della pasta di riporto, lievito di riporto o di criscito? Si tratta di una porzione di impasto lievitato che viene ricavata dagli avanzi, quindi riutilizzata come aggiunta nella preparazione di un altro impasto. E in effetti lo suggerisce anche il nome, che non a caso include il termine “riporto“.

Cos’è la pasta di riporto

Se il lievito madre naturale deriva dalla fermentazione di acqua e farina, il lievito di riporto viene invece ricavato da un impasto già lievitato.

A cosa serve

La pasta di riporto serve ad aggiungere acidità a un nuovo impasto in modo che quest’ultimo maturi più rapidamente. Ma bisogna fare attenzione a utilizzarlo nel modo giusto per evitare che l’acidità aumenti troppo. In generale durante l’inverno si può aggiungerne il 20% mentre in estate il 10% del peso dell’impasto.

Errori da non fare

Utilizzare il lievito di riporto senza aggiungere altro lievito al nuovo impasto è un errore perché non sempre esso ha sufficiente potere lievitante. Quindi è sempre meglio aggiungere altro lievito fresco, lasciando a quello di riporto il semplice compito di accelerare la maturazione dell’impasto e di aggiungere sapore al tutto.

Per quanto riguarda la sua durata, in genere se mantenuto a temperatura ambiente può arrivare a 24 ore. Occhio a non utilizzarlo se è trascorso più tempo a temperatura ambiente, gli eccessivi livelli di acidità raggiunti potrebbero compromettere il nuovo impasto.

Se utilizzate il lievito di riporto o pasta di riporto è meglio diminuire la percentuale di sale nell’impasto, che dovrà aggirarsi intorno al 1,5%, dato che il riporto lo contiene già.

Differenze rispetto al lievito madre

Il lievito madre non va confuso con il lievito di riporto perché il primo si ottiene con acqua e farina ed è naturalmente fermentato. Mentre, come abbiamo già visto, il lievito di riporto si ottiene da un impasto già pronto.

Ricette con pasta di riporto: la pizza e il pane

Con la pasta di riporto si possono preparare gustose ricette, per esempio l’amatissima pizza. Le ricette di TerroreSplendore ci propone una ricetta a base di pasta di riporto, acqua, farina 0 e farina tipo 2, passata di pomodoro e mozzarella.

La pasta di riporto in questa ricetta viene rinfrescata e versata nella planetaria, aggiungendo farina e sale, quindi impastata per qualche minuto. Si aggiunge poi la farina tipo 2 impastando per una decina di minuti. Come spiega la ricetta, l’impasto va lasciato a lievitare e utilizzato in seguito per preparare la pizza con condimento a base di passata di pomodoro e mozzarella. Trovate la ricetta completa qui.

Per fare il panecome una volta” potete ispirarvi a questa ricetta che prevede l’utilizzo di pasta di riporto, acqua, semola di grano duro, farina 00, farina manitoba, sale e malto d’orzo.

FONTI: Le ricette di TerroreSplendore/cielomiomarito

Ti potrebbe interessare anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook