Bucato: perché dovresti mettere due palline da tennis in lavatrice (ti fanno anche risparmiare energia)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un piccolo "trucchetto" che renderà i nostri capi meno spiegazzati e i piumoni soffici e gonfi come appena usciti dalla tintoria: provare per credere!

Con la crisi dell’energia che avanza galoppante e i tassi di inflazione sempre più alti, fare attenzione anche alla più piccola spesa è una pratica essenziale per risparmiare nel lungo periodo. Vi suggeriamo spesso strategie di risparmio domestico e “trucchetti” che possono aiutarci a non sprecare energia (e denaro) quando utilizziamo gli elettrodomestici a casa.

Oggi vi spieghiamo un piccolo stratagemma da mettere in atto ogni volta che utilizziamo la lavatrice e che può farci risparmiare non solo energia, ma anche detersivo – contribuendo al contempo a rendere il nostro bucato più pulito e morbido. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è una pallina da tennis – anzi due.

Le palline da tennis nel cestello della lavatrice e dell’asciugatrice possono risparmiarci la scocciatura di stirare i nostri vestiti. Durante il lavaggio o il processo di asciugatura, le palline si muoveranno sui tessuti riducendo al minimo la formazione di pieghe.

In questo modo, una volta tirati fuori, i nostri panni saranno più lisci senza alcuno sforzo da parte nostra, e noi risparmieremo tempo ed energia evitando di accendere il ferro da stiro. Un’unica accortezza: ricordiamoci di tirar fuori immediatamente il bucato dal cestello della lavatrice o dell’asciugatrice. Finito il movimento delle palline finirà anche il loro effetto “lisciante” e inizieranno a formarsi antiestetiche pieghe.

Leggi anche: Non stirare più, con questi trucchi puoi sbarazzarti facilmente delle pieghe (e salvare il Pianeta)

Utilizzare le palline da tennis nel cestello della lavatrice ci permetterà di lavare in casa anche i piumoni e le coperte imbottite, senza che queste perdano volume e morbidezza e senza costringerci a spendere soldi in tintoria per un trattamento di pulizia professionale.

Inseriamo il nostro piumone all’interno del cestello e laviamolo come faremmo con il normale bucato, avviando un programma delicato a una temperatura bassa (massimo 40°C). Ricordiamoci di usare poco detersivo, per non creare un eccesso di schiuma nel cestello.

Una volta finito il lavaggio, tiriamo fuori la coperta e mettiamola ad asciugare all’aria, evitando il contatto diretto con i raggi del sole. Non preoccupiamoci se fra i due strati del tessuto avvertiamo dei “bozzi” dovuti a una non equa distribuzione dell’imbottitura: le palline da tennis ci aiuteranno a risolvere questo problema.

Una volta asciugato all’aria, rimettiamo il piumone in lavatrice – stavolta con le due palline – e facciamo partire la centrifuga a bassa velocità. Il movimento delle palline sul tessuto creerà una sorta di “massaggio” che ridistribuirà l’imbottitura nella fodera, rendendo il piumone nuovamente gonfio e soffice. Provare per credere!

Questo “trucchetto” è molto utile anche se dobbiamo lavare in lavatrice cuscini, peluche e qualunque altro accessorio di tessuto che abbia un’imbottitura interna da preservare.

Se non abbiamo in casa delle palline da tennis ma vogliamo comunque mettere in pratica questo trucchetto, possiamo creare noi stessi delle piccole “palline” accartocciando alcuni fogli di carta argentata – il risultato sarà molto simile e potremo riutilizzare le palline molte volte prima di gettarle.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook