Come allontanare i piccioni dal balcone in modo naturale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come allontanare i piccioni dal balcone o dal terrazzo senza ricorrere a rimedi drastici, pericolosi e dannosi per i volatili?

I piccioni continuano ad appollaiarsi sui vostri balconi o terrazzi? In vendita si trovano, purtroppo, trappole, spuntoni e prodotti chimici per scacciare questi volatili, che, effettivamente, potrebbero rappresentare un motivo di disturbo, soprattutto, per via degli escrementi, ma come farlo in modo naturale e non violento?

Spaventapasseri

piccioni spaventapasseri

I piccioni temono la presenza degli uccelli predatori. Pensiamo ad esempio ad aquile e falchi. Data l’assenza in città di predatori, è possibile ricorrere a dagli spaventapasseri che ne riproducano le sembianze e che possano così dissuadere i piccioni dall’avvicinarsi al balcone nel momento in cui scorgano le loro sagome. Si tratta di un rimedio efficace anche se con il tempo i piccioni potrebbero abiturrsi ad essi, come suggerito anche dal Department of the Environment, Food and Rural Affairs (DEFRA) inglese:

In generale, i modelli di raptor sono economici e facili da implementare. La loro efficacia aumenta se sono animati e se vengono spostati frequentemente. Tuttavia, gli uccelli imparano rapidamente che il modello non rappresenta una minaccia e si abituano rapidamente ad esso”.

L’assuefazione può essere ridotta spostando spesso il dispositivo usato come spaventapasseri

Gufi

Pare proprio che i piccioni abbiano paura dei gufi e che a destare il loro timore sia il brillio dei loro occhi di colore dorato. Provate a dipingere degli occhi di gufo grandi e tondi, di colore giallo o di colore arancio, da applicare alla vostra finestra o al vostro balcone. I piccioni, nel vederli, dovrebbero allontanarsi. In alternativa sono in commercio proprio delle sagome di gufi scaccia piccioni

Girandole

Se il vostro problema riguarda la necessità di proteggere dall’arrivo dei piccioni i vasi posizionati sul vostro balcone, potrebbe essere utile inserire all’interno di essi delle girandole colorate. I loro colori accesi, i loro movimenti in caso di vento ed i riflessi della luce del sole su di esse potranno contribuire a dissuadere i piccioni dall’avvicinarsi ai vasi o ai balconi.

Superfici riflettenti

Anche le superfici riflettenti sono un ottimo deterrente per i piccioni, in particolare quelli che possono sfruttare il movimento del vento. Agli uccelli, in generale, non piacciono i bagliori luminosi. Gli occhi degli uccelli reagiscono all’effetto prisma, lasciandoli disorientati.

La cosa buona è che questo principio può essere riprodotto con una varietà di cose che abbiamo già in casa o che costano pochissimo, in particolare:

Vecchi CD

I CD per via della loro superficie riflettente, così come gli specchi o altri oggetti con le medesime caratteristiche, possono essere d’aiuto per allontanare i piccioni, in quanto i riflessi luminosi che essi creano sono ritenuti in grado di impaurire i volatili. È per questo motivo che i vecchi CD vengono utilizzati talvolta anche come spaventapasseri. Leggi anche: 14 idee per riciclare vecchi CD e DVD

Carta stagnola o carta dell’uovo di Pasqua

Uno dei possibili usi alternativi dell’alluminio o carta stagnola consiste nello sfruttarla, appunto, come superficie riflettente ritenuta adatta ad allontanare i piccioni dal balcone. Delle strisce di carta stagnola potrebbero, ad esempio, essere avvolte attorno alla ringhiera del balcone, o essere posizionate sul davanzale. Leggi anche: Fogli d’alluminio: 10 riutilizzi creativi.

Con lo stesso principio anche utilizzare la carta dell’uovo di Pasqua tagliando striscioline sottili da attaccare sulla ringhiera dalla parte in alluminio può essere un gran bel trucco da provare a costo zero.

Nastro riflettente

Una alternativa alla carta stagnola reperibile in commercio è costituita da un nastro riflettente dalla superficie cangiante, che a contatto con la luce del sole può risultare in grado di produrre dei bagliori che dissuaderanno i piccioni dall’avvicinarsi.

Dispositivi ad ultrasuoni

In vendita esistono dei dispositivi ad ultrasuoni adatti ad allontanare i piccioni. Si tratta di un rimedio innocuo sia per l’uomo che per i volatili, a cui ricorrere nel caso in cui non vi sia proprio altra soluzione, anche poiché tali dispositivi pare risultino piuttosto costosi. Gli ultrasuoni dissuaderanno i piccioni dall’avvicinarsi al balcone, senza recare loro alcun danno.

Spezie

Come può avvenire nel caso di altri volatili o animali, i piccioni non amano il forte odore delle spezie più piccanti ed avvertirlo potrebbe rappresentare per loro un segnale di pericolo ed un motivo per allontanarsi. Tra le spezie ritenute maggiormente efficaci, con cui riempire delle ciotoline da posizionare sul balcone, vi sono il pepe, il peperoncino e la cannella.

Spray agli oli essenziali

A coloro che desiderano allontanare i piccioni in modo naturale potrebbe essere utile conoscere l’esistenza in vendita di miscele di oli essenziali in cubi ad azione repulsiva nei confronti dei piccioni, descritte come resistenti all’acqua e adatte ad essere sistemate nelle vicinanze dei tetti, dei terrazzi e dei balconi delle abitazioni.

Eliminare le fonti di cibo

Come è ben noto, i piccioni vengono facilmente attirati dalla presenza di cibo, a partire dalle semplici briciole. È dunque consigliabile non lasciare alcuna traccia di cibo sui balconi o sui davanzali, se si desidera evitare l’arrivo dei piccioni. Anche le ciotole con il cibo per gli animali domestici potrebbero attirare i piccioni.

Sui piccioni ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook