Coltivare dai rifiuti: avete mai provato a piantare i semi di mela in un fondo di caffè?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come piantare un albero di mela a costo zero a partire dai semi del frutto e un fondo di caffè. Ecco il tutorial passo passo

Quanta frutta e verdura dobbiamo mangiare ogni giorno?

Molte persone amano le piante, ma non hanno sufficiente spazio da dedicare a questa passione. Oggi vi spieghiamo come creare in maniera semplice una piccola pianta di appartamento – partendo, tra l’altro, da quelli che potremmo considerare due rifiuti, ovvero i semini contenuti nella mela e un fondo di caffè

Innanzitutto, procuriamoci un barattolo di vetro (possibilmente dotato di chiusura ermetica): anche in questo caso, possiamo riciclare un barattolo vuoto dei legumi o di una conserva – l’importante è che sia ben lavato e asciugato. Prendiamo poi una cialda di caffè già utilizzata, facendo attenzione a che sia del tipo interamente compostabile (ovvero di quelle che si gettano nell’umido), e pratichiamo un piccolo taglio a croce al centro di essa con l’ausilio delle forbicine. Attenzione in questa fase a non rompere troppo la cialda né a far uscire molto caffè.

Nel piccolo taglio praticato andremo ad inserire un paio di semi di mela, opportunamente sciacquati e liberi da eventuali residui di polpa. Infine, chiudiamo i lembi della cialda e vaporizziamola con molta acqua fresca, in modo da inumidirla completamente. Prendiamo quindi il barattolo di vetro, inseriamo al suo interno la cialda inumidita e chiudiamolo bene, poi poniamolo in un luogo asciutto e luminoso – questo favorirà la nascita della nostra piantina.

Il seme dovrebbe germogliare nel giro di qualche giorno, facendo capolino fuori dalla pianta: il caffè contenuto nella cialda fungerà da concime naturale. A questo punto possiamo trasferire il nostro germoglio all’interno di un vaso con il terreno – ma non gettiamo via la cialda: essendo compostabile, si degraderà naturalmente all’interno del terreno. (Leggi anche: Fondi di caffè: 20 modi per riutilizzarli in casa, in giardino e per la bellezza)

Procuriamoci un vaso di dimensioni medie e della torba o del terriccio. Dopo coperto il fondo del vaso con la terra, poggiamo il nostro germoglio e ricopriamo ancora con altro terriccio. Non dimentichiamoci poi di dare abbondante acqua alla nostra nuova pianta: ne avrà bisogno per crescere bene. Infine, posizioniamo il nostro vaso in un luogo luminoso ma al riparo dai raggi diretti del sole. Nel giro di una ventina di giorni (in cui avremo provveduto a tenere il terreno sempre umido), la piantina sarà cresciuta al punto da superare l’ostacolo del terriccio ed emergere finalmente.

Consigliamo di rinvasare questa pianta almeno una volta all’anno, per dare alle radici lo spazio sufficiente per crescere al meglio. Se curata negli anni, questa pianta potrebbe raggiungere anche dimensioni ragguardevoli e sviluppare persino un vero e proprio tronco.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook