Non buttare il nocciolo della pesca! Prova a piantarlo per avere un albero da frutta da coltivare gratis

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Invece di buttarlo, vi spieghiamo come piantare il nocciolo della pesca per avere un albero a costo zero da far crescere rigoglioso

Trarre il meglio da tutti gli scarti che produciamo è una delle politiche più green che potete attuare. E se ti dicessi che puoi avere pesche gratis piantando in modo corretto il suo nocciolo?

Un amante della natura è sempre alla ricerca di un nuovo modo per trasformare gli scarti, specialmente quelli da cucina, in qualcosa di meraviglioso. Ad esempio, si è venuta a formare una nuova sensibilità riguardo alla costruzione di oggetti che diresti di design partendo da materiali da riciclo, anche detto upcycling.

Ma oggi non trattiamo strettamente di prodotti da riciclare, bensì di trasformare un piccolo nocciolo di pesca in un bellissimo albero di pesco. Ovviamente, ci vorrà più di qualche mese per riuscire in questa impresa, i tempi della natura sono più lenti delle nostre esigenze, ma consideralo come un investimento a lungo termine: piantando oggi il tuo seme di pesca, tra qualche anno potrai avere sia un bellissimo albero da frutta sotto cui leggere o riposare d’estate, così come delle deliziose pesche bio autoprodotte. C’è qualcosa di meglio per la quale impiegare il tuo tempo?

Scopriamo i passaggi necessari a creare le condizioni necessarie per far germogliare e crescere il tuo albero di pesco

Come faccio a piantare un nocciolo di pesca nel modo corretto?

Prima di iniziare, tieni bene a mente che il primo step è quello più “rischioso”, perché potresti aspettare invano. Il consiglio di GreenMe, infatti, è quello di iniziare a far germogliare più di un seme per volta, così che tu possa avere buone probabilità che almeno uno inizi a germogliare correttamente. Se ti va bene e hai abbastanza spazio, puoi addirittura piantarne due!

Il periodo autunnale è perfetto per iniziare a piantare il pesco. Per alcuni, il metodo più semplice è anche il più fattibile: scava una piccola buca di almeno due centimetri di profondità, mettici il nocciolo di pesco, copri con il terriccio, innaffia e poi posiziona del fieno (o qualunque altro tipo di pacciame per proteggere dal freddo) e aspetta che la natura faccia il suo corso. Di solito, il pesco inizia a germogliare in primavera, come tante altre piante.

Se però vuoi una soluzione più controllata, puoi usare questo semplice trucchetto. Conserva i tuoi noccioli fino a dicembre, gennaio. Dopo di ché, indurrai il seme a germogliare usando il freddo del tuo frigo. Gli step da seguire sono:

  1. Immergi il nocciolo in acqua per 1-2 ore
  2. Inserisci il nocciolo in un sacchetto di plastica che puoi chiudere
  3. Nel sacchetto inserisci del terriccio umido
  4. Conserva ad una temperatura intorno ai -6 gradi lontano da frutta di altro tipo
  5. Quando vedi che i primi germogli stanno uscendo dal nocciolo, piantalo in un vaso oppure in giardino

Come promesso, è davvero semplice e ti aiuterà ad iniziare il tuo frutteto personale, oppure ad arrichire il tuo piccolo tesoro verde in giardino.

Alcuni coltivatori preferiscono rimuovere la parte esterna del nocciolo per esporre il seme all’acqua e al terriccio, ma questo passaggio non è necessario e puoi semplicemente seguire le istruzioni che trovi sopra.

I primi frutti potrai raccoglierli dopo 3-4 anni, ma nel frattempo potrai prenderti cura del tuo alberello, il che è un toccasana per la tua salute mentale e ti aiuterà anche a combattere il caldo torrido estivo. Cosa aspetti? Corri a piantare il tuo nuovo pesco, prima inizi prima potrai goderti una succosa e deliziosa pesca fatta interamente da te.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureando in Letterature e Culture Comparate all'Università dell'Orientale di Napoli. Si occupa di letteratura, sport, cucina e ambiente, collaborando anche con una nota rivista letteraria partenopea.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook