Fondi di caffè: 5 geniali modi per utilizzarli come fertilizzante e nella cura delle tue piante

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I fondi di caffé sono utilissimi per potenziare la resa e l'adattabilità del tuo terriccio e del tuo compost. Inoltre, possono essere utilizzati per coltivare piante che hanno bisogno di un terreno più acido.

Per portare il tuo orto casalingo al next level, potrai contare su un alleato che rende già le tue giornate più elettriche. Con dei semplici fondi di caffè potrai migliorare la qualità del tuo compost e coltivare sia fiori che ortaggi più facilmente.

Ma prima di partire, quali sono i nutrienti che i fondi di caffè conferiscono al terriccio o al compost? Innanzitutto, una delle sue proprietà più peculiari è la capacità di acidificare il terreno. Puoi unirlo al tuo compost (ottimo anche per chi ha appena iniziato) arricchendolo con del nitrogeno, oppure puoi aggiungere i filtri di caffé direttamente al terriccio nel vaso. Tuttavia, quando utilizzato in questo modo, contribuisce alla salute del tuo piccolo orto favorendo la distribuzione dell’acqua, la sua ritenzione nel terreno e l’aerazione nel suolo. Inoltre fornirà

Se temi che i fondi di caffè rendano il terreno troppo acido, ti basterà sciacquarli prima di inserirli nel terriccio. In questo modo, avrà un Ph neutro con un valore di 6.5

Ma come puoi utilizzare direttamente il caffé per migliorare la crescita delle tue piante?

Ci sono 5 modi con cui riutilizzare questi scarti da cucina preziosissimi:

  1. Arricchire il compost: come abbiamo già visto, i fondi caffé sono un ingrediente meraviglioso per nutrire il nostro compost e farlo essere sempre più efficace. Se useremo caffé in polvere “fresco” allora potremo ottenere un compost più acido, perfetto per piante e fiori che ne hanno bisogno.
  2. Scacciare “ospiti” indesiderati: spargendo un po’ di polvere di caffé sul terreno o attorno al vaso, potrete evitare che le lumache e le chiocciole si cibino delle sue foglie. Si crede che la caffeina abbia un effetto nocivo per questi infestanti, e potrete liberarvene con un metodo 100% bio, riutilizzando scarti da cucina.
  3. Coltivare fiori: il vostro orto personale o il vostro balcone in città brillerà dei colori di azalee, rose,  rododendro, sempreverdi e camelie. La naturale acidità apportata dai fondi di caffé renderà il terreno più ospitale per questi fiori, rendendo più agevole l’assimilazione di nutrienti
  4. Seminare Carote: mischiando un po’ di caffé in polvere con i semi di carota durante la semina fornirà maggior nutrimento e ti renderà più facile distribuirli in modo uniforme durante la semina
  5. Coltivare Funghi: la coltivazione casalinga di funghi è sottovalutata, ma potrebbe aiutarti a integrare proteine nella tua dieta mentre ti diverti a coltivare. Anche in questo caso, i fondi di caffé sono un concime perfetto per facilitare la coltura. Inoltre, ci sono kit per la coltivazione casalinga di funghi che usano proprio il caffé come nutrimento principale.
@greenme_it

Ecco alcuni consigli per riusare i fondi di #caffè ☕️ Hai altre idee? Scrivile nei commenti! #howtotiktok #riuso #tutorial #imparacontiktok #coffetime

♬ Tiny Times 3-JP – Fish n Chips

Ora che sai quanto è facile e conveniente riutilizzare questo scarto da cucina, niente ti fermerà dal far nascere tante meravigliose piante di ogni specie.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureando in Letterature e Culture Comparate all'Università dell'Orientale di Napoli. Si occupa di letteratura, sport, cucina e ambiente, collaborando anche con una nota rivista letteraria partenopea.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook