Elettrodomestici in stand-by: quanto consumano? La risposta ti scioccherà

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lasciare le lucine di stand-by dei dispositivi elettronici ci può far spendere una vera fortuna: i costi di questa abitudine sono infatti tutt'altro che irrisori (per il portafogli e per l'ambiente)

Libera Terra

Ora più che mai è fondamentale fare attenzione ai propri consumi energetici per non rischiare di ritrovarsi, alla fine del mese, con una bolletta dal costo esagerato. Il prezzo dell’energia è sensibilmente aumentato, è vero, ma le nostre scelte e le nostre abitudini quotidiane possono contribuire a contenere i consumi – a vantaggio dell’ambiente e del nostro portafogli.

Una delle abitudini in apparenza innocue ma che rappresentano invece un enorme spreco di energia elettrica è quella di lasciare i nostri dispositivi in modalità stand-by. Computer, TV, lettore DVD, stampante: ogni accessorio elettrico lasciato con la spia rossa accesa si traduce in una voce importante del nostro consumo energetico.

Si pensi infatti che il consumo in stand-by pesa in media fra l’8% e il 10% sulla bolletta mensile di una famiglia, e che corrisponde a circa 19 milioni di CO2 emesse annualmente in atmosfera. Insomma, un consumo tutt’altro che irrisorio che si traduce anche in un inquinamento atmosferico consistente.

Più il dispositivo lasciato in stand-by è vecchio, maggiore sarà il consumo della piccola spia luminosa. Facendo qualche esempio, un decoder per la TV ha un consumo stand-by che va da 1 a 5 W7h, mentre un computer o una stampante multifunzione hanno un consumo che va dai 2 ai 5 W/h.

Il nostro consiglio, ovviamente, è quello di ricordarsi di spegnere tutti i dispositivi quando abbiamo finito di utilizzarli e di togliere anche la spina dalla corrente. Molto persone, però, hanno diversi apparecchi collegati fra loro che funzionano in maniera interconnessa (ad esempio, TV e decoder o lettore DVD e impianto stereo). Come fare in questo caso a essere certi di aver spento proprio tutto?

Possiamo investire qualche euro nell’acquisto di una “ciabatta” multi-presa dotata di interruttore che ci permetterà di togliere l’alimentazione a tutti i dispostivi collegati in modo semplice e immediato.

Le moderne tecnologie mettono a disposizione anche ciabatte che si spengono quando viene spento il dispositivo principale ad esse collegato – ad esempio, il compute o la TV che sono magari collegati a un impianto di casse o altri piccoli accessori: sono i cosiddetti stand-by-stop.

I dispositivi elettronici di più recente produzione prevedono un consumo di energia legato allo stand-by limitatissimo – anche se non ancora nullo. Quindi è importante, in ogni caso, spegnere ogni dispositivo appena dopo l’uso.

Non perderti tutte le altre nostre notizie, seguici su Google News e Telegram

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook