Risparmio energetico, i trucchi per usare correttamente il forno senza sprecare energia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se non usato con criterio e con i giusti accorgimenti, il forno elettrico può far schizzare i costi della bolletta. Vediamo le regole d'oro per ridurre consumi di energia e impattare meno sull'ambiente

Il forno rientra fra gli elettrodomestici che incidono di più sulle nostre bollette e, considerato che viene utilizzato ogni giorno (o quasi), è fondamentale essere consapevoli dei consumi per evitare stangate. Capita spesso, infatti, di commettere degli errori che ci fanno sprecare un bel po’ di energia, gravando sulle nostre tasche e sull’ambiente. Grazie ad alcuni accorgimenti, però, possiamo usare questo elettrodomestico in maniera ottimale.

Quanto consuma un forno elettrico?

Vi siete mai domandati qual è l’impatto dell’uso del forno elettrico sulla bolletta della luce? Se utilizzato per circa 15 minuti al giorno, questo elettrodomestico, consuma circa 173 kWh. La fase in cui si spreca più energia è quella di riscaldamento, che può arrivare a circa 3 kW.  Quindi, specialmente per le quantità ridotte di cibo, sarebbe meglio optare per modalità di cottura più veloci e sostenibili (ad esempio il forno a microonde, che consuma circa la metà).

Consigli utili per l’utilizzo del forno

Come anticipato, se non usato con criterio, il forno elettrico può far schizzare i costi della nostra bolletta. A tal proposito, vi sono alcune regole d’oro da seguire quando si opta per l’uso di questo elettrodomestico:

  • evitare di preriscaldarlo quando non serve o comunque più del necessario
  • non aprire spesso lo sportello durante la cottura
  • preferire la modalità di cottura ventilata (consente di risparmiare tempo e anche circa un terzo dell’energia rispetto a quella statica)

Il trucco che forse non conosci

Infine vi suggeriamo di seguire un trucchetto che non tutti conoscono per ridurre il consumo di energia. Basta spegnerlo circa un quarto d’ora prima della fine del tempo di cottura pianificato e lasciare la pietanza in forno, che continuerà a cuocere grazie al calore. Così facendo è possibile risparmiare circa 0,35 kWh.

Non perderti tutte le altre nostre notizie, seguici su Google News e Telegram

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook