Bonus mobili ed elettrodomestici confermato per il 2022: come ottenere fino a 10mila euro di rimborso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tutto quello che c'è da sapere sul bonus mobili ed elettrodomestici, prorogato fino al 2024: importo detraibile, acquisti ammessi e come beneficiare dell'agevolazione

Integratori 100% naturali

Torna il bonus mobili ed elettrodomestici: l’agevolazione per rinnovare l’arredamento delle abitazioni sottoposte a ristrutturazione è stata confermata dalla Legge di Bilancio anche per il 2022. Per quest’anno il limite massimo del rimborso è pari a 10mila euro, mentre nei prossimi due anni scenderà a 5mila. Scopriamo in cosa consiste questa detrazione fiscale, chi può usufruirne e quali sono gli interventi ammessi.

Leggi anche: Bonus tv: rinnovata l’agevolazione anche per il 2022, previsti decoder gratis per gli over 70

In cosa consiste il bonus mobili ed elettrodomestici

Il bonus non è altro che una detrazione Irpef del 50% che spetta a chi decide di acquistare sia mobili che grandi elettrodomestici, destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. Questa detrazione va calcolata su un importo massimo di 10.000 euro per l’anno 2022 (nel 2021 il tetto di spesa su cui calcolare la detrazione era pari a 16.000 euro) e di 5.000 euro per gli anni 2023 e 2024, e comprende anche le eventuali spese di trasporto e montaggio.

Come chiarito sul sito dell’Agenzia delle Entrate, la detrazione è destinata esclusivamente a chi intende acquistare i seguenti mobili o elettrodomestici:

bonus mobili 2022

@Agenzia delle Entrate

Può beneficiare della detrazione chi acquista entro il 31 dicembre 2024 mobili ed elettrodomestici nuovi (di classe non inferiore alla classe A per i forni, alla classe E per le lavatrici, le lavasciugatrici e le lavastoviglie, alla classe F per i frigoriferi e i congelatori) e ha realizzato interventi di ristrutturazione edilizia a partire dal 1° gennaio dell’anno precedente a quello dell’acquisto dei beni.

Gli interventi edilizi necessari per usufruire del Bonus

Ma quali sono gli interventi edilizi necessari per ottenere la detrazione? Nella guida dell’Agenzia dell’Entrate viene riportata la lista completa dei lavori:

  • manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti. I lavori di manutenzione ordinaria su singoli appartamenti (per esempio, tinteggiatura di pareti e soffitti, sostituzione di pavimenti, sostituzione di infissi esterni, rifacimento di intonaci interni) non danno diritto al bonus
  • ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza
  • restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che entro 18 mesi dal termine dei lavori vendono o assegnano l’immobile
  • manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su parti comuni di edifici residenziali

Come usufruire della detrazione Irpef

Per ottenere la detrazione sugli acquisti di mobili ed elettrodomestici, occorre effettuare i pagamenti tramite bonifico o carta di debito o credito. Non è consentito, invece, pagare con assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento. Se il pagamento viene fatto con bonifico bancario o postale, non è necessario utilizzare quello (soggetto a ritenuta) appositamente predisposto da banche e Poste per le spese di ristrutturazione edilizia. La detrazione è ammessa anche se i beni sono stati acquistati con un finanziamento a rate, a condizione che la società che eroga il finanziamento paghi il corrispettivo con le stesse modalità prima indicate e il contribuente abbia una copia della ricevuta del pagamento.

Questi sono i documenti da conservare:

  • ricevuta del bonifico
  • ricevuta di avvenuta transazione (per i pagamenti
    con carta di credito o di debito)
  • documentazione di addebito sul conto corrente
  • fatture di acquisto dei beni, riportanti la natura, la
  • qualità e la quantità dei beni e dei servizi acquisiti

Per altre info sul bonus mobili ed elettrodomestici potete consultare la sezione del sito dell’Agenzia delle Entrate. 

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook