Bonus tv: rinnovata l’agevolazione anche per il 2022, previsti decoder gratis per gli over 70

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

Si allarga la platea dei cittadini italiani che potranno usufruire del bonus tv. L’agevolazione, finalizzata alla sostituzione dei vecchi televisori non più compatibili con i nuovi standard di trasmissione del digitale terrestre, sarà infatti rinnovata anche per il 2022. Il Governo Draghi ha deciso di stanziare 68 milioni di euro per supportare la popolazione italiana nel passaggio alle nuove modalità di diffusione del segnale tv, che entreranno in vigore definitivamente a gennaio 2023 (quando i canali saranno visibili soltanto da chi ha un televisore Hd o un decoder).

Ma c’è anche un’importante novità che riguarda i cittadini over 70. Per loro il decoder sarà gratuito e arriverà direttamente a casa.

Sono particolarmente soddisfatto per questa norma che permetterà a milioni di italiani con più di 70 anni di affrontare questo passaggio alla tv digitale senza alcun disagio – ha dichiarato il ministro dello Sviluppo Economico. Giancarlo Giorgetti – Stiamo preparando in questi giorni una comunicazione diretta che invieremo a tutti gli interessati con le istruzioni per ricevere e, se serve, farsi aiutare a usare correttamente il decoder.

I cittadini, di età superiore a 70 anni e titolari di una pensione fino a 20mila euro annui, che avranno diritto a questa ulteriore agevolazione verranno  informati attraverso una lettera da Poste Italiane e lo riceveranno gratis a casa loro. Tramite l’ufficio postale o attraverso una piattaforma dedicata potranno fissare il giorno della consegna.

Inoltre, gli over 70 interessati dalla misura riceveranno da Poste Italiane anche l’assistenza telefonica per installare il nuovo apparecchio.

Poste Italiane, che ha già supportato il Governo in operazioni di sostegno alle fasce di popolazione più deboli e bisognose (come la consegna a domicilio delle pensioni) ha avviato una collaborazione con il MISE, mettendo a disposizione la capillarità della sua rete fatta di quasi 13000 uffici postali e oltre 30.000 portalettere in modo da supportare il Paese nella transizione tecnologica e colmare il divario digitale esistente tra le generazioni.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Adnkronos

Leggi anche:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook