Orti a distanza: da oggi anche nel Lazio si possono affittare orto e contadino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Verdure di stagione, filiera tracciabile e un piccolo appezzamento di terreno tutto nostro: no, non vogliamo invogliarvi ad abbandonare la città per dedicarvi alle attività contadine, perché… c’è chi lo fa per noi! Si tratta dell’azienda agricola di Vercelli di cui vi avevamo parlato tempo fa, e del loro progetto “Le verdure del mio orto”. Ebbene, a distanza di un anno dal lancio dell’iniziativa, dopo aver conquistato Lombardia e Piemonte, l’orto in affitto arriva anche nel Lazio.

Ma di cosa si tratta? Dedicato a quanti vogliono mangiare cibi sani e di stagione e, perché no, risparmiare anche qualche soldino, “Le verdure del Mio orto” permette di creare il nostro orticello on line con pochi click, ma niente rimane virtuale e il nostro pezzetto di terra esiste davvero, in una cascina vicino a Vercelli, – e da oggi anche alle porte di Roma – dove cresceranno le verdure che poi arriveranno direttamente a casa nostra.

Basta collegarsi al sito www.leverduredelmioorto.it, selezionare la tipologia di nucleo famigliare, scegliere le dimensioni più adatte per il nostro orto (si va dai 30 mq affittati a 18 euro a settimana, ai 120 mq a 38 euro, con la possibilità di servizi personalizzati) ed inviare la richiesta. L’orto verrà poi coltivato da mani sapienti, che selezioneranno 39 varietà differenti di verdure in modo da soddisfare tutti i gusti e coprire tutte le stagioni.

verdure_del_mio_orto2

Le novità di quest’anno riguardano, oltre alla possibilità di affittare appezzamenti di terra nel Lazio, la scelta tra abbonamenti per periodi inferiori all’anno (che va da maggio 2011 a gennaio 2012), potendo optare per quello estivo, quello invernale o il mese o la cassetta di prova, acquistabile nello shop on line.

risaia

Ma, novità ancora più allettante, da quest’anno sarà possibile anche affittare o meglio “adottare” una piccola risaia: Carnaroli, Venere o Ermes, sarete voi a scegliere la qualità di riso che preferite, insieme al metodo di essicazione (natirale o ad aria calda), il tipo di lavorazione, il tempo di invecchiamento (fino ad un anno) e persino il packaging. Il riso prodotto durante l’anno verrà poi raccolto separatamente per ogni piccola risaia, confezionato a mano e spedito direttamente a casa vostra. Le prenotazioni partono ora per la semina nella primavera 2011 e il raccolto in autunno.

Riso e verdure a portata di click, dunque. Cosa aspettate?

Eleonora Cresci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook