La ragazza di 13 anni bullizzata perché raccoglie la spazzatura mentre torna da scuola

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le hanno gettato del succo di frutta in faccia, spinta, offesa e persino minacciata con un coltello. ma lei non si fermerà e continuerà a ripulire la città dai rifiuti

L’ha presa come una missione, una sfida da vincere: pulire almeno la città dove abita dalla spazzatura. È per questo che Nadia Sparkes, una studentessa di 13 anni di Norwich, in Inghilterra, si prende la briga ogni giorno di raccogliere la spazzatura mentre va e viene da scuola, per contribuire a rendere il mondo un posto migliore. In barba a chi osa prenderla in giro.

Già, perché se da un lato Nadia ha raccolto sinora chili e chili di spazzatura e ha ispirato molti altri suoi coetanei a fare lo stesso, dall’altro non mancano i ragazzini che la deridono, la bullizzano, le gettano i rifiuti addosso marchiandola con il nome di “Trash Girl”.

Ma Nadia è ben contenta di questo nomignolo da “supereroe”, come dice lei stessa, e va avanti, imperterrita, trasformando il bullismo in forza e continuando con la sua crociata di pulizia con tanto di pagina Facebook (non a caso chiamata “Team Trash Girl”), dove incoraggia gli altri a postare le loro storie sulla raccolta della spazzatura abbandonata.

nadia sparkes 1nadia sparkes 2

Tutto è cominciato nel momento in cui la 13enne è rimasta sconvolta ogni giorno per il numero di lattine e bottiglie gettate per strada che vedeva mentre andava in bicicletta da e per la scuola di Hellesdon. Riempiva il cestino della bici con quei rifiuti e piano piano sempre più persone si sono accorte di lei. Anche in positivo, ovvio, tanto che ora la sua scuola sta pensando di trasformare la missione di Nadia in un progetto artistico.

“Volevo trovare un modo per aiutare tutti a sostenersi a vicenda, per aiutare a risolvere i problemi del pianeta prima che diventino insostenibile” – scrive su Facebook. Quindi, per favore prova a raccogliere 3 pezzi di rifiuti oggi. Mostraci cosa hai trovato. Sosteniamoci tutti per rendere il mondo un posto migliore”.

nadia sparkes 3

Bravissima Nadia. Come te, tanti piccoli semi di bimbi responsabili e coscienziosi stanno diventando veri e propri frutti. Basta dar loro la possibilità di crescere pensando concretamente a un futuro migliore.

Leggi anche:

Germana Carillo

Foto 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook