Madelina, la prima modella e stilista con sindrome Down che sfida gli stereotipi della moda

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La storia di Madelina Stuart è quella di una ragazza che ha sfidato il suo cromosoma in più. Una storia che vogliamo raccontarvi proprio in questi giorni in cui è scoppiato il caso Islanda, dove i genitori scelgono di non far nascere i bambini con sindrome Down.

Quando nel 2015 era salita sulle passerelle della New York Fashion Week era entrata nella storia come la prima modella professionale affetta da sindrome Down. Capelli rossicci e un viso angelico Madelina è con il tempo, entrata nel cuore di tutti.

Per la sua dolcezza, ma soprattutto per il coraggio di aver sfidato un mondo, quello della moda, dove gli stereotipi si sprecano. Il suo messaggio è stato chiaro dall’inizio, dimostrare che la diversità può essere un punto di forza e non di debolezza.

Per calcare le passerelle di numerosi brand internazionali, Madelina si è impegnata nella sua trasformazione fisica, è dimagrita 20 chili ma ha mantenuto il suo fisico burroso, quello tanto gettonato ai tempi delle pin up. La sua determinazione e l’ironia l’hanno portata in alto.

Well a girl needs to have some fun. #breakingthemould#fun tour #ability #inclusion #love

Un post condiviso da Madeline Stuart Official (@madelinesmodelling_) in data:

Oggi, infatti, alla carriera di modella, ha preferito quella di stilista e da febbraio di quest’anno sfila solo alla fine delle sue creazioni, per prendere i meritati applausi delle sue creazioni. A vent’anni nella Grande Mela ha un brand tutto suo. Sapete come si chiama?

“21 Reasons Why”, un marchio che riflette il suo modo di essere e il suo carisma: leggins colorati, minigonne, t-shirt sbarazzine indossate da modelle che hanno differenti bellezze, normodotate o affette da disabilità. Dietro una grande donna c’è anche una grande mamma.

Roseanne ha sempre sostenuto la figlia e l’ha assecondata nelle sue passioni, senza timori. Le difficoltà ci sono è innegabile, ma a volte tutto sta nel capire come le si vuole affrontare.

Altre bellissime storie che vi avevamo raccontato:

Throwback Tuesday to my time with @promgirlxoe

Un post condiviso da Madeline Stuart Official (@madelinesmodelling_) in data:

Un tema caldo, in questi giorni, dopo il caso Islanda. Secondo i dati, l’85% delle donne islandesi sceglie di abortire se lo screening fetale diagnostica che il feto ha un cromosoma in più. Per questo nell’isola europea sono soltanto 1 o 2 i bambini che ogni anno nascono con la sindrome Down.

Dominella Trunfio

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook