Come abituare il tuo gatto alla lettiera, tutto quello che devi sapere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Hai appena adottato un gatto o il tuo micio non vuole più usare la lettiera? Trucchi e consigli per educarlo a utilizzarla ogni giorno

Hai appena adottato un gatto o il tuo micio non vuole più usare la lettiera? Trucchi e consigli per educarlo a utilizzarla ogni giorno

Chiunque abbia un gatto o desideri adottarne uno deve fare i conti con un oggetto indispensabile nella quotidianità del nostro amico felino: la lettiera. Scegliere la migliore per il gatto in base alle sue, ma anche tue esigenze può sembrare difficoltoso a prima vista poiché in commercio ci sono davvero tanti tipi differenti, ma una volta che avrai optato per una o deciso di realizzare la tua lettiera ecologica in casa, è importante passare al prossimo step: far abituare il tuo micio alla lettiera.  (Leggi anche: I trucchi per pulire la lettiera del gatto che dovresti applicare da subito)

E’ importante che il gatto familiarizzi sin da subito con la lettiera perché se è pur vero che la maggioranza dei gatti inizia ad utilizzare la lettiera da subito come se la conoscenza di questo oggetto ed il suo uso fosse quasi innata in loro, esistono anche delle eccezioni. Ci sono gatti, non necessariamente cuccioli, che non sanno cosa debbano farci con tutti quei granelli di sabbia e quella struttura ambigua che sembra loro un fortino – se per esempio pensiamo di adottare un gatto di strada – o, in altri casi, gatti che improvvisamente si rifiutano di fare i bisogni nella loro lettiera abituale.

Cosa fare e come è meglio procedere allora? Bisogna distinguere tre casi:

  • cuccioli
  • gatti liberi
  • gatti adulti di casa

Ecco tutto ciò che devi sapere per ciascuna situazione e far abituare il tuo gatto all’uso della lettiera.

I cuccioli e la lettiera

I cuccioli sono ancora inesperti e se da un lato già esplorano l’intera casa e scalano per le prime volte le tende, possono o meno già apprendere l’uso della lettiera. Tutto dipende se i micini crescono con la loro madre, sarà lei infatti ad insegnar loro tutto, compreso l’uso della toilette. I cuccioli apprenderanno dalla madre per emulazione, imitando cioè i suoi comportamenti.

Se invece hai adottato un gattino, la prima cosa da fare è reperire il tipo di lettiera che il gattino aveva a disposizione nella sua precedente sistemazione; questo renderà sicuramente le cose più semplici. Se ancora il micino non è a casa tua, puoi andare a prenderlo e posizionarlo in un trasportino alla cui base avrai messo la sabbiolina della lettiera in modo che il tuo gatto possa fare lì i bisogni e iniziare ad associare la lettiera alla sua toilette. I gatti hanno un olfatto sensazionale e imparare a riconoscere l’odore della loro lettiera costituisce un’ottima guida.

Ricordati di posizionare la lettiera non troppo distante dalla cuccia e dalle ciotole del piccolo affinché gli sia possibile correre lì dentro per tempo per fare i suoi bisognini. Metti regolarmente il gattino nella lettiera e scava accanto a lui con la paletta, proprio come farebbe una mamma gatto. Con ciò non solo attirerai la sua attenzione, ma renderai la lettiera un “luogo interessante”.

Per i cuccioli la lettiera non deve essere eccessivamente grande, puoi cambiarla in seguito quando il tuo gatto crescerà. Importante è che si trovi in un luogo tranquillo.

Trattandosi di cuccioli, anche dopo aver appreso come usare la lettiera potrai trovare non di rado della pipì al di fuori di essa. E’ più che normale, ma niente paura perché i gatti imparano in fretta e sono degli animali molto puliti.

I gatti liberi e la lettiera

Un gatto viene considerato adulto già dopo i 9 mesi ed essendo cresciuto a tutti gli effetti anche la lettiera dovrà di conseguenza cambiare. Una lettiera comoda e confortevole dovrebbe essere una volta e mezzo più grande del gatto e, come per i cuccioli, dovrebbe sempre trovarsi in un luogo silenzioso e riparato.

Per abituare i gatti cosiddetti liberi alla lettiera, bisogna da subito scegliere un modello senza copertura, che non assomigli ad un trasportino e trasmetta al gatto la sensazione di essere in trappola. Ogni volta che il tuo gatto si avvicina all’oggetto, ci entra o meglio ancora ci fa i bisogni, dagli un premietto: gioca con lui, accarezzalo o premialo con un biscottino. In questo modo rafforzerai il comportamento positivo e renderai più piacevole e immediata l’associazione alla lettiera.

Se ciò non dovesse funzionare, osserva il gatto e sposta la lettiera in un altro luogo. Magari il posto che avevi scelto in precedenza era troppo scuro o troppo caotico per i suoi gusti.

I gatti di casa e la lettiera, come ri-abituarli

I gatti sono animali abitudinari, hanno le loro preferenze sia in termini di cibo che di orari, ma anche di lettiera, rimanendo fedeli al modello che avete scelto e usato sin dalle prime volte. Tuttavia può succedere che gatti già adulti e abituati alla casa non vogliano più utilizzare la loro lettiera. Il perché può dipendere da molti fattori, ma nella maggior parte dei casi ciò ha a che fare con un cambiamento che si è verificato o che si sta verificando. Un classico esempio sono i traslochi.

In queste circostanze è opportuno chiedersi cosa sia cambiato e come mai il nostro amico peloso non voglia più affacciarsi alla lettiera di sempre. Alcune utili domande da porsi potrebbero essere:

  • E’ cambiato qualche componente nella lettiera che ho sempre utilizzato?
  • Ho lavato bene tutta la lettiera?
  • La lettiera è sempre pulita e piace ancora al mio gatto?
  • L’odore del detersivo è troppo forte? Ci sono degli odori nell’ambiente che il mio gatto non tollera?
  • Il mio gatto è ultimamente stressato e mi sta mandando dei segnali?
  • E’ successo qualcosa di brutto che il mio gatto collega alla lettiera?
  • Può essere che il mio gatto sia malato?

Per alcune di queste domande le risposte sono semplici, per altre invece è necessario consultare il veterinario se si ritiene che una delle cause possa essere una malattia. E’ importante pulire con regolarità la lettiera per tenere a bada i germi e offrire all’animale un ambiente confortevole. Chi vorrebbe del resto utilizzare un bagno molto sporco?

Inoltre può essere d’aiuto scegliere dei tipi di lettiera ecologici non solo per l’ambiente, ma per le sostanze nocive che alcune sabbie trattate possono contenere.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Ti consigliamo inoltre:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook